ansia notturna

Ansia prima di dormire

Sintomi fisici, rimedi naturali e non farmacologici per addormentarsi subito.

Addormentarsi subito e mantenere un sonno di durata sufficiente sono caratteristiche fondamentali per un riposo notturno soddisfacente.

La presenza di ansia notturna prima di dormire manifestandosi attraverso sintomi fisici (ad esempio dolori diffusi o localizzati al petto, palpitazioni, affanno, cefalea, tremori) può causare difficoltà a prendere sonno o numerosi risvegli durante la notte. In questo secondo caso si possono verificare anche attacchi di panico notturni.

Il PHQ-15 è uno strumento di screening utilizzato per la valutazione dei sintomi fisici dell’ansia. Gli obiettivi di una ricerca sono stati quelli di stabilire la validità costruttiva di tale mezzo di valutazione. L’indagine è stata condotta in Germania nel periodo tra agosto 2011 e novembre 2014 su 9250 soggetti. Tutti i partecipanti sono stati sottoposti ad un’ampia valutazione di base comprendente un insieme di questionari. Gli uomini hanno riportato meno sintomi fisici rispetto alle donne. Il punteggio totale PHQ-15 era fortemente correlato con qualità della vita, presenza di stanchezza, ansia e problemi di sonno. L’obesità era associata ad alcune somatizzazioni come mancanza di respiro e dolori a braccia, gambe ed articolazioni. Tale ricerca confermerebbe il ruolo dei sintomi somatici nella compromissione della qualità della vita attraverso l’associazione con ansia notturna e problemi di sonno (Hinz et al., 2017).

La presenza di un disturbo del sonno non farebbe altro che accentuare la presenza di ansia notturna prima di coricarsi. I sensi attraverso i quali vengono segnalati e percepiti i cambiamenti interni del corpo presentano differenze individuali legate prevalentemente allo stile emotivo e alla vulnerabilità ai disturbi affettivi. Una scarsa qualità del sonno sembrerebbe associata a difficoltà nel percepirsi con conseguente insorgenza di disturbi quali depressione e/o ansia. L’insonnia, pertanto, rappresenta una precoce espressione di un disturbo psicologico influenzando l’abilità autopercettiva e le esperienze diurne. I disturbi del sonno quindi possono contribuire all’espressione della psicopatologia affettiva attraverso gli effetti esercitati sulle dimensioni percettive e interpretative della consapevolezza corporea (Ewing et al., 2017).

Il dolore alle spalle è un problema di salute molto comune il quale può causare disturbi del sonno, riduzione del funzionamento lavorativo e sintomi ansioso-depressivi peggiorando la qualità della vita.
I pazienti con sintomatologia dolorosa alle spalle, infatti, avrebbero una maggiore incidenza di disturbi del sonno, ansia e depressione. Quelli con disturbi del sonno e dolore alle spalle o respirazione affannosa mostrerebbero una gravità di ansia e depressione superiore ai pazienti senza tali sintomi con una peggiore qualità di vita. I pazienti con dolore alle spalle e ansia presenterebbero una riduzione della qualità di vita, un riposo notturno poco soddisfacente, una riduzione delle ore lavorative, sociali ed una maggiore severità del dolore.
I pazienti con depressione e dolore alle spalle mostrerebbero un sonno poco riposante, una riduzione delle ore di lavoro, un peggioramento della qualità di vita e delle abilità sociali.
I fattori psicologici e sociali sembrerebbero svolgere un ruolo importante nello sviluppo dei dolori alle spalle con conseguenti disturbi del sonno i quali possono contribuire ad aumentare le emozioni e le memorie sgradevoli (Sribastav et al., 2017).

Cosa fare se si ha sonno ma non si riesce a dormire a causa dell’ansia notturna?
Quali sono i rimedi non farmacologici per dormire subito di notte ovvero come calmare l’ansia quando sopraggiunge prima di dormire?
Si può curare l’ansia notturna senza ricorrere ai farmaci?

Oltre ai rimedi naturali per prendere sonno e alla psicoterapia cognitivo-comportamentale tra gli interventi terapeutici efficaci va segnalata la pratica dello yoga. I tassi di partecipazione ai programmi di fitness per il corpo come lo yoga continuano ad aumentare. È importante, però, che gli operatori sanitari siano informati sulla natura dello yoga e sulle prove dei suoi numerosi effetti terapeutici. Lo yoga terapeutico è definito come l’applicazione delle posture yoga e della sua pratica al trattamento delle condizioni sanitarie al fine di prevenire o curare il dolore, le sofferenze o le limitazioni strutturali, fisiologiche, emotive e spirituali. La pratica dello yoga sembrerebbe aumentare la forza muscolare e la flessibilità del corpo promuovendo e migliorando la funzione respiratoria e cardiovascolare, favorendo il recupero e il trattamento delle dipendenze, riducendo lo stress, l’ansia, i sintomi depressivi, il dolore cronico, migliorando la qualità del sonno e della vita (Woodyard, 2011).

Riferimenti bibliografici:

Ewing DL et al (2017). Sleep and the heart: Interoceptive differences linked to poor experiential sleep quality in anxiety and depression. Biol Psychol. [Epub ahead of print].

Hinz A et al (2017). Frequency of somatic symptoms in the general population: Normative values for the Patient Health Questionnaire-15 (PHQ-15). J Psychosom Res. 96:27-31.

Sribastav SS et al (2017). Interplay among pain intensity, sleep disturbance and emotion in patients with non-specific low back pain. Peer J. 5: e3282.

Woodyard C (2011). Exploring the therapeutic effects of yoga and its ability to increase quality of life. Int J Yoga. 4(2): 49-54.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra Psicoterapeuta Roma

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

farmacofobia

Come superare la paura di prendere i farmaci

Il timore di assumere i farmaci si può superare chiedendo spiegazioni dettagliate al medico prescrittore o effettuando un percorso di psicoterapia. La paura di prendere…

Continua a leggere...
diagnosi psicologica errata

Diagnosi psicologica sbagliata: cosa fare?

In caso di una diagnosi errata in psichiatria è possibile richiedere un secondo parere o effettuare test psicodiagnostici prescritti dal medico curante. La diagnosi psicologica…

Continua a leggere...
patricidio o matricidio

Il desiderio di uccidere il padre o la madre: significato in psicologia

Il pensiero di uccidere i propri genitori può essere un’ossessione oppure un vero e proprio piano omicida che va valutato attentamente da uno specialista. Il…

Continua a leggere...
essere rifiutati da innamorati

Rifiuto in amore: cosa fare?

Essere rifiutati quando si è innamorati di qualcuno può comportare l’insorgenza di sintomi ossessivi, depressivi e comportamenti aggressivi tali da richiedere il supporto di uno…

Continua a leggere...