via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

panico notturno

Attacchi di panico notturni: associazione tra ansia e insonnia

Gli attacchi di panico notturni sono delle improvvise crisi d’ansia che interrompono la continuità e la qualità del sonno. Come si manifestano? Si possono manifestare prima di coricarsi ovvero possono essere caratterizzati da ansia notturna con sintomi fisici, che causa generalmente difficoltà di addormentamento, oppure possono consistere in episodi ansiosi con insorgenza improvvisa dopo un periodo di sonno più o meno lungo. A volte si può percepire ansia nel dormiveglia. Al risveglio l’individuo avverte generalmente una improvvisa ed intensa quota d’ansia somatizzata caratterizzata da tachicardia (palpitazioni), dolore al petto, sensazione di avere un infarto o di una morte imminente, sudorazione, tremore, vertigini, sensazione di svenimento. Dopo aver superato la crisi ansiosa l’individuo non riesce a riaddormentarsi e si focalizza sul suo stato psicofisico per il timore che possa verificarsi un nuovo attacco di panico.

Gli attacchi di panico notturni possono rappresentare un disturbo invalidante per l’individuo, in quanto l’associazione tra ansia ed insonnia compromette la qualità della vita, causando difficoltà nel funzionamento sociale e lavorativo. L’individuo può manifestare eccessiva sonnolenza diurna (da deprivazione di sonno), difficoltà di concentrazione, mancanza di energie per affrontare le attività quotidiane, umore depresso. In alcuni casi si può manifestare uno stato di allerta continuo diurno: si ripensa all’attacco di panico e si trascorre la giornata con la preoccupazione che possa manifestarsi di nuovo. Questa condizione è molto frequente la sera quando l’individuo deve coricarsi nuovamente ed ha paura di non riuscire ad effettuare un sonno continuativo o soddisfacente. La visita specialistica risulta, pertanto, fondamentale per poter comprendere le cause del disturbo e conoscere le cure disponibili.

Quali sono i possibili rimedi per gli attacchi di panico notturni? I trattamenti possono essere di tipo psicoterapeutico e/o farmacologico. Ricerche scientifiche dimostrano che il trattamento cognitivo-comportamentale standard o adattato in maniera specifica alla presenza di attacchi di panico notturni siano entrambi efficaci ad ottenere una remissione completa dei sintomi dopo circa un anno di terapia (Marchland et al., 2013). La terapia farmacologica più adeguata consiste nella prescrizione del farmaco ansiolitico e/o ipnoinducente e/o antidepressivo che permetta al paziente di recuperare un sonno ristoratore, una soddisfacente qualità di vita priva di attacchi di panico, tenendo conto delle sue preoccupazioni relative alla dipendenza farmacologica e all’insorgenza di eventuali effetti collaterali. Il farmaco prescritto, perciò, rappresenterebbe una sorta di “stampella” per aiutare il paziente a superare un periodo di difficoltà, che il paziente potrà utilizzare per un periodo di tempo più o meno limitato, a seconda delle sue condizioni e della sua storia clinica.

Riferimenti bibliografici:

Marchland L. et al. (2013). Efficacy of two cognitive-behavioral treatment modalities for panic disorder with nocturnal panic attacks. Behav Modif 37 (5): 680-704.

 

Condividi l'articolo sui Social:

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

scoperta farmaco antidepressivo rivoluzionario

Alla scoperta del miglior farmaco per la depressione

Le ricerche scientifiche hanno come obiettivo quello di individuare un farmaco rivoluzionario per la depressione utilizzando modelli animali.   I ricercatori utilizzano modelli comportamentali convenzionali…

Continua a leggere...
passività e depressione

Fallimento: conseguenze psicologiche e modificazioni neuronali

Cosa significa essere o sentirsi un fallito, quando comporta l’insorgenza di passività e depressione?   I ripetuti fallimenti spesso comportano delle modificazioni neurologiche con insorgenza…

Continua a leggere...
dolore e depressione

Depressione mascherata, dolore con umore depresso: terapie psicologiche

I sintomi depressivi possono comprendere un calo dell’umore e/o dolori muscolari alle gambe, alla testa, malessere fisico generale.   La depressione è una sindrome caratterizzata da…

Continua a leggere...
significato del rimandare

Procrastinare: significato in psicologia, quando diventa una patologia

Cosa significa rimandare nei soggetti non clinici ed in quelli con disturbo ossessivo-compulsivo?   La procrastinazione viene considerata da ricercatori e professionisti della salute mentale un…

Continua a leggere...