Obesità: oltre il disturbo alimentare - Psichiatra psicoterapeuta Roma

Obesità: oltre il disturbo alimentare

La World Health Organization definisce il sovrappeso e l’obesità come la presenza di un anormale o eccessivo accumulo di grasso che può comportare rischi per la salute.

L’indicatore generalmente utilizzato per valutarne la presenza è il Body Mass Index (BMI) ovvero il peso della persona (espresso in Kg) diviso per il quadrato dell’altezza (espressa in metri). Un individuo con un BMI superiore a 30 è considerato obeso mentre un soggetto con un BMI uguale o superiore a 25 è considerato in sovrappeso.

Il sovrappeso e l’obesità sono tra i fattori di rischio maggiori per l’insorgenza di un numero elevato di patologie croniche come il diabete, le malattie cardiovascolari e il cancro. Un tempo tali condizioni erano limitate ai paesi industrializzati ad alto reddito mentre oggi sembrano crescere drammaticamente anche nei paesi a basso e a medio reddito, specialmente se urbanizzati (who.int).

Disturbi psicopatologici come il Bing Eating Disorder (BED), anche detto disturbo da alimentazione incontrollata e la Night Eating Syndrome (NES) o disturbo da alimentazione notturna sono stati messi in relazione alla presenza di obesità.
Tali disturbi sono caratterizzati dalla presenza di abbuffate ricorrenti ovvero comportamenti alimentari improvvisi durante i quali il soggetto ha la sensazione di perdere il controllo della qualità e della quantità di cibo ingerita. Tali abbuffate non sono seguite da condotte compensatorie del peso (vomito autoindotto, uso di lassativi, diuretici, enteroclismi, esercizio fisico eccessivo) e pertanto comportano nel tempo l’insorgenza di sovrappeso o obesità.

Il BED sembrerebbe essere associato a una più severa e precoce insorgenza di obesità e un più severo e precoce esordio del disturbo alimentare. L’associazione tra programmi alimentari e trattamenti psicologici, però, può portare nel tempo ad una remissione del disturbo.
Il NES, invece, sembrerebbe essere un disturbo alimentare associato a stress, disturbi del sonno e dell’umore accompagnati spesso da un malfunzionamento del sistema neuroendocrino. Tale disturbo sembrerebbe avere un andamento circadiano e rispondere a farmaci che incrementano la funzionalità serotoninergica (Stunkard & Allison, 2003).

La presenza di obesità sembrerebbe correlata alla presenza di altri disturbi: primi fra tutti i disturbi d’ansia e i disturbi dell’umore.
Numerosi studi dimostrano che l’obesità, soprattutto nelle donne, è generalmente associata a sintomi d’ansia, depressione, riduzione del benessere psico-fisico e ad una riduzione dell’affettività positiva. Tra i fattori associati all’insorgenza dei sintomi psicopatologici sembrerebbero rilevanti il livello di salute fisica, l’assenza di attività fisica, lo scarso supporto sociale, la scarsa educazione ed i problemi finanziari (Jorm et al., 2003).

Una metanalisi del 2010 conferma la stretta relazione tra depressione e obesità. La presenza di obesità, infatti, sembrerebbe aumentare il rischio di depressione e la presenza di depressione sembrerebbe predire lo sviluppo di obesità (Luppino et al., 2010).

In uno studio 107 donne obese sono state sottoposte a test specifici per la valutazione di sintomi depressivi, problemi interpersonali e livelli di autostima. Le donne esaminate, inoltre, sono state suddivise in moderato o grave BED a seconda dei punteggi raggiunti in una scala specifica (Binge Eating Scale). La suddivisione è stata effettuata anche nelle seguenti categorie: moderatamente o severamente obese in base alla media del loro peso ed altezza. In questo studio la psicopatologia è stata messa in relazione al BED e all’obesità. Dai risultati l’obesità non sembrava essere in relazione alla presenza di sintomi psicopatologici sebbene la severità del disturbo da alimentazione incontrollata sembrasse essere correlata alla gravità della sintomatologia psicopatologica (Telch & Agras, 1994).

Riferimenti bibliografici:

Jorm AF et al (2003). Association of obesity with anxiety, depression and emotional well-being: a community survey. Australian and New Zealand Journal of Public Health. 27(4): 434-440.

Luppino FS et al (2010). Overweight, Obesity, and Depression. A Systematic Review and Meta-analysis of Longitudinal Studies.Arch Gen Psychiatry. 67(3): 220-229.

Stunkard AJ & Allison CK (2003). Two forms of disordered eating in obesity: binge eating and night eating. International Journal of Obesity 27, 1–12.

Telch CF & Agras WS (1994). Obesity, binge eating and psychopathology: Are they related? International Journal of Eating Disorders. 15(1): 53-61.

Who.int (sito internet della World Health Organization).

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra Psicoterapeuta Roma

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

ragazzi diabetici

Ansia e depressione nei ragazzi con diabete di tipo 1

I giovani affetti da diabete mellito sono a rischio di soffrire di sintomi ansiosi, depressivi più intensi rispetto ad adulti e anziani. Il diabete di…

Continua a leggere...
Paura delle belle donne: Venustrafobia - Psichiatra Psicoterapeuta Roma

Paura delle belle donne: Venustrafobia

Cause, sintomi e terapia per la fobia delle donne attraenti. La maggior parte degli uomini è attratto da belle donne. Alcuni individui, però, al solo…

Continua a leggere...
sindrome del prigioniero

Sindrome della capanna: quando si fatica a ripartire

Cause, sintomi e terapia della sindrome post-quarantena. La sindrome della capanna (anche detta del prigioniero) è una condizione psicologica che si verifica dopo periodi prolungati…

Continua a leggere...
coronavirus e salute mentale

Coronavirus: in evidenza una emergenza psicologica

L’isolamento dovuto al coronavirus sta favorendo l’insorgenza di vari disturbi psichici nella popolazione sana come riportato dai dati statistici. Siamo nel bel mezzo di una pandemia…

Continua a leggere...