via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

obesità

Obesità: oltre il disturbo alimentare

La World Health Organization definisce il sovrappeso e l’obesità come la presenza di un anormale o eccessivo accumulo di grasso che può comportare rischi per la salute. L’indicatore generalmente utilizzato per valutarne la presenza è il Body Mass Index (BMI) ovvero il peso della persona (espresso in Kg) diviso per il quadrato dell’altezza (espressa in metri). Un individuo con un BMI superiore a 30 è considerato obeso mentre un soggetto con un BMI uguale o superiore a 25 è considerato in sovrappeso.

Il sovrappeso e l’obesità sono tra i fattori di rischio maggiori per l’insorgenza di un numero elevato di patologie croniche come il diabete, le malattie cardiovascolari e il cancro. Un tempo tali condizioni erano limitate ai paesi industrializzati ad alto reddito mentre oggi sembrano crescere drammaticamente anche nei paesi a basso e a medio reddito, specialmente se urbanizzati (who.int).

Disturbi psicopatologici come il Bing Eating Disorder (BED), anche detto disturbo da alimentazione incontrollata e la Night Eating Syndrome (NES) o disturbo da alimentazione notturna sono stati messi in relazione alla presenza di obesità.
Tali disturbi sono caratterizzati dalla presenza di abbuffate ricorrenti ovvero comportamenti alimentari improvvisi durante i quali il soggetto ha la sensazione di perdere il controllo della qualità e della quantità di cibo ingerita. Tali abbuffate non sono seguite da condotte compensatorie del peso (vomito autoindotto, uso di lassativi, diuretici, enteroclismi, esercizio fisico eccessivo) e pertanto comportano nel tempo l’insorgenza di sovrappeso o obesità.

Il BED sembrerebbe essere associato a una più severa e precoce insorgenza di obesità e un più severo e precoce esordio del disturbo alimentare. L’associazione tra programmi alimentari e trattamenti psicologici, però, può portare nel tempo ad una remissione del disturbo.
Il NES, invece, sembrerebbe essere un disturbo alimentare associato a stress, disturbi del sonno e dell’umore accompagnati spesso da un malfunzionamento del sistema neuroendocrino. Tale disturbo sembrerebbe avere un andamento circadiano e rispondere a farmaci che incrementano la funzionalità serotoninergica (Stunkard & Allison, 2003).

La presenza di obesità sembrerebbe correlata alla presenza di altri disturbi: primi fra tutti i disturbi d’ansia e i disturbi dell’umore.
Numerosi studi dimostrano che l’obesità, soprattutto nelle donne, è generalmente associata a sintomi d’ansia, depressione, riduzione del benessere psico-fisico e ad una riduzione dell’affettività positiva. Tra i fattori associati all’insorgenza dei sintomi psicopatologici sembrerebbero rilevanti il livello di salute fisica, l’assenza di attività fisica, lo scarso supporto sociale, la scarsa educazione ed i problemi finanziari (Jorm et al., 2003).

Una metanalisi del 2010 conferma la stretta relazione tra depressione e obesità. La presenza di obesità, infatti, sembrerebbe aumentare il rischio di depressione e la presenza di depressione sembrerebbe predire lo sviluppo di obesità (Luppino et al., 2010).

In uno studio 107 donne obese sono state sottoposte a test specifici per la valutazione di sintomi depressivi, problemi interpersonali e livelli di autostima. Le donne esaminate, inoltre, sono state suddivise in moderato o grave BED a seconda dei punteggi raggiunti in una scala specifica (Binge Eating Scale). La suddivisione è stata effettuata anche nelle seguenti categorie: moderatamente o severamente obese in base alla media del loro peso ed altezza. In questo studio la psicopatologia è stata messa in relazione al BED e all’obesità. Dai risultati l’obesità non sembrava essere in relazione alla presenza di sintomi psicopatologici sebbene la severità del disturbo da alimentazione incontrollata sembrasse essere correlata alla gravità della sintomatologia psicopatologica (Telch & Agras, 1994).

Riferimenti bibliografici:

Jorm AF et al (2003). Association of obesity with anxiety, depression and emotional well-being: a community survey. Australian and New Zealand Journal of Public Health. 27(4): 434-440.

Luppino FS et al (2010). Overweight, Obesity, and Depression. A Systematic Review and Meta-analysis of Longitudinal Studies.Arch Gen Psychiatry. 67(3): 220-229.

Stunkard AJ & Allison CK (2003). Two forms of disordered eating in obesity: binge eating and night eating. International Journal of Obesity 27, 1–12.

Telch CF & Agras WS (1994). Obesity, binge eating and psychopathology: Are they related? International Journal of Eating Disorders. 15(1): 53-61.

Who.int (sito internet della World Health Organization).

 

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Cause, sintomi e terapia della piromania: il profilo psicologico del piromane

Per piromania si intende l’appiccamento deliberato ed intenzionale del fuoco in più di un’occasione. Consultando il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione (DSM-5) si…

Continua a leggere...

Come capire se è asma o ansia: correlazione tra patologia asmatica, attacchi di panico e depressione

Non è rara la comorbilità tra asma bronchiale e disturbi d’ansia in giovani ed adulti. Quando si fa fatica a respirare come capire se si…

Continua a leggere...

Come aiutare una persona in depressione o ansiosa: cosa possono fare i familiari di genitori o figli depressi

Nei giovani la presenza di depressione e disturbi d’ansia rappresenta un problema di salute globale. Come aiutare una persona depressa o ansiosa quando rifiuta ogni aiuto, soprattutto se si…

Continua a leggere...

A cosa sono dovuti gli attacchi di panico, da cosa dipendono: cause scatenanti e psicologiche dei sintomi d’ansia

Gli attacchi di panico sono delle manifestazioni d’ansia dovute ad una predisposizione psicologica e ad una serie di cause favorenti. Quali sono le cause scatenanti…

Continua a leggere...

Condividi con un amico