via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

tremore da ansia

Rimedi per tremore improvviso da ansia e depressione: come curarlo se localizzato alle mani, sulle gambe o diffuso in tutto il corpo

Una delle cause psicologiche del tremore è sicuramente l’ansia che può essere o meno accompagnata da depressione. Quando sono particolarmente invalidanti, infatti, i sintomi fisici dell’ansia possono comportare uno scompenso psicopatologico di tipo depressivo.
Il tremore da ansia di solito insorge all’improvviso e può essere interno o visibile all’esterno (soprattutto se localizzato agli arti superiori o inferiori). In caso di marcata agitazione il tremore può estendersi dalle mani, alle gambe ed infine a tutto il resto del corpo.

Gli attacchi di panico sono manifestazioni ansiose nelle quali i tremori agli arti sono molto frequenti. Si tratta di attacchi improvvisi di ansia con numerosi sintomi fisici, oltre al tremore, quali palpitazioni, difficoltà respiratorie, nausea e vertigini. Esistono anche degli attacchi di panico senza l’esperienza soggettiva della paura di morire o perdere il controllo ma sono più rari. Uno studio ha indagato la prevalenza e le caratteristiche cliniche degli attacchi di panico di questa tipologia. Dai risultati è emerso che il 30% degli attacchi di panico si verifica senza timore di morire o di impazzire. Questi attacchi di panico non differiscono da quelli classici in termini di età di insorgenza o frequenza ma sono meno frequentemente associati ad alcuni sintomi quali respiro corto, tremori e depersonalizzazione. La presenza di ansia anticipatoria può portare il paziente a richiedere farmaci. Tali attacchi di panico se ricorrenti conducono ugualmente ad una diagnosi di disturbo di panico e causano altrettanti disturbi funzionali anche se la frequenza di comorbilità con agorafobia è più scarsa come anche l’associazione ad altri disturbi quali la Depressione Maggiore, le fobie e le dipendenze da sostanze stupefacenti (Chen et al., 2009).

L’obiettivo di un altro studio è stato quello di analizzare i sintomi degli attacchi di panico nei pazienti con disturbo di panico determinando, in particolare, la relazione specifica tra sintomi somatici e neurologici.
Il campione reclutato nella ricerca consisteva in 97 pazienti con diagnosi di disturbo di panico, senza alcuna malattia somatica acuta, severa o instabile. La presenza e la frequenza dei sintomi degli attacchi di panico è stata stimata utilizzato un questionario.
Dai risultati della ricerca i sintomi più frequenti degli attacchi di panico erano quelli cardiologici (battito cardiaco accelerato) ed i tremori, seguiti da sensazione di svenimento o instabilità, sudorazione, sintomi respiratori e gastrointestinali.
I risultati delle analisi dei sintomi degli attacchi di panico hanno sottolineato la loro correlazione. Questa specifica associazione di sintomi, se mal interpretata dai pazienti, può portare alla falsa diagnosi di alcuni disturbi fisici gravi. Pertanto è necessario analizzarli adeguatamente e fare una diagnosi differenziale appropriata dei pazienti con disturbo di panico (Latas et al., 2009).

Quali sono i rimedi per il tremore improvviso interno o visibile all’esterno da ansia soprattutto se accompagnato da depressione? Cosa fare per curare i tremori alle mani, alle gambe o il tremore interno diffuso in tutto il corpo?
Il tremore da ansia può scomparire in breve tempo iniziando una terapia farmacologica specifica che consiste nell’assumere farmaci antidepressivi e/o ansiolitici. Fondamentale è il parere di uno specialista per evitare l’insorgenza di una dipendenza farmacologica, molto comune in caso di un uso inappropriato, non sotto il controllo medico, delle benzodiazepine (tra le più comuni si possono citare lorazepam, alprazolam, lormetazepam, bromazepam, delorazepam, diazepam).
Per mantenere i risultati raggiunti con la terapia farmacologica o al fine di ridurre gradualmente il tremore da ansia è utile intraprendere un percorso di psicoterapia. La terapia cognitivo-comportamentale, nello specifico, è efficace nel trattamento del tremore e degli altri sintomi fisici dell’ansia.

Riferimenti bibliografici:

Chen J et al (2009). Non-fearful vs. fearful panic attacks: a general population study from the National Comorbidity Survey. J Affect Disord.112(1-3): 273-8.

Latas M et al (2009). [Panic attacks simulate presence of somatic illnesses]. [Article in Serbian]. Med Pregl. 62(3-4):165-70.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Come superare la paura di perdere i capelli: psicologia e rimedi della falacrofobia

I capelli svolgono un ruolo importante nel determinare l’immagine di sé, le percezioni sociali e il funzionamento psicosociale. Qual è il nome in psicologia della…

Continua a leggere...

Caratteristiche di un alcolista, come si comporta un soggetto alcolizzato: quali sono gli effetti dell’alcol sul comportamento e come smettere di bere

L’alcolismo è una forma di dipendenza che comporta un peggioramento della qualità di vita. Quali possono essere gli effetti dell’alcol sul comportamento? Un soggetto alcolista, definito…

Continua a leggere...

Ghosting, psicologia di chi lascia o sparisce senza spiegazioni ovvero non indicando il motivo della separazione: come comportarsi

Recentemente si sta diffondendo un metodo di rottura delle relazioni sentimentali che permette di lasciare il proprio partner o sparire senza dare spiegazioni ovvero non indicando…

Continua a leggere...

Binge watching, quando le serie TV creano dipendenza: come uscirne con la terapia adeguata

Nel mondo sempre più digitalizzato gli individui sono molto motivati a guardare serie televisive online. Grazie a piattaforme streaming quali Netflix si inizia dopo cena…

Continua a leggere...

Condividi con un amico