Cosa sono le fobie specifiche - Psichiatra Roma

Cosa sono le fobie specifiche

Le fobie specifiche esordiscono generalmente nella prima infanzia, eccetto la variante situazionale che si può manifestare in età adulta (con età media pari a 22 anni) ed è frequentemente correlata ad un evento traumatico.

Secondo il DSM (manuale diagnostico statistico delle malattie mentali), ormai pubblicato nella sua quinta edizione, per fobia specifica si intende una paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dalla possibilità della presenza di un oggetto o situazione specifici (ad esempio volare, altezze, animali, ricevere un’iniezione, vedere il sangue).

L’esposizione all’oggetto fobico può provocare una risposta ansiosa immediata che talvolta può assumere la forma di un attacco di panico. La risposta d’ansia è vissuta dalla persona con disgusto, raccapriccio, terrore o orrore a seconda dello stimolo fobico.

I bambini di solito esprimono ansia piangendo, attraverso scoppi di ira, con l’irrigidimento o aggrappandosi a qualcuno. La persona adulta riconosce che la paura è eccessiva o irragionevole ma prova disagio fino ad evitare la situazione fobica. L’evitamento, l’ansia anticipatoria o il disagio provato interferiscono con le abituali attività scolastiche, lavorative e sociali.

Tra le fobie specifiche più comuni si possono citare quelle verso insetti, animali, altezze, temporali, acqua, sangue, iniezioni, ferite, aeroplani, ascensori, luoghi privi di via d’uscita. Altre fobie sono quelle relative alla paura di soffocare, vomitare e contrarre malattia. I bambini, invece, spesso hanno una marcata paura di rumori forti e personaggi in maschera.

Le fobie sono dei disturbi molto comuni nella popolazione generale. Dai dati epidemiologici italiani, però, la prevalenza dei pazienti che richiedono una terapia è intorno al 2%. Si interviene con una terapia specifica (farmacologica e/o psicoterapia) solo quando tali disturbi alterano il tono dell’umore oppure compromettono la qualità della vita e/o il funzionamento generale dell’individuo. Tra i trattamenti psicologici la terapia cognitivo-comportamentale ha un grande impiego.

I farmaci prescritti appartengono alle seguenti classi: SSRI, SNRI, Triciclici e Benzodiazepine.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra Psicoterapeuta Roma

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

pandemic fatigue - Psichiatra Psicoterapeuta Roma

Pandemic Fatigue: sintomi, comportamenti e strategie per affrontarla

La stanchezza pandemica è una sindrome causata dall’emergenza covid-19, è caratterizzata da disagio psicologico e comportamenti di mancata protezione. Per Pandemic Fatigue (anche detta stanchezza…

Continua a leggere...
emergenza suicidaria coronavirus

Epidemia da Covid-19 ed il rischio di suicidio

I fattori di cambiamento economico, accademico, psicologico dovuti all’emergenza coronavirus possono aumentare il rischio di episodi di suicidio e/o di autolesionismo. Il suicidio è un’emergenza…

Continua a leggere...
conseguenze evitamento sociale

Prognosi di chi soffre di disturbo evitante di personalità

Nel disturbo evitante di personalità una maggiore attivazione dell’amigdala può essere regolata dalle terapie psicologiche e/o farmacologiche. ll disturbo di personalità evitante è caratterizzato da…

Continua a leggere...
ragazzi diabetici

Ansia e depressione nei ragazzi con diabete di tipo 1

I giovani affetti da diabete mellito sono a rischio di soffrire di sintomi ansiosi, depressivi più intensi rispetto ad adulti e anziani. Il diabete di…

Continua a leggere...