via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

psicoterapia depressione3

Psicoterapie efficaci nella Depressione Maggiore

La psicoterapia è un trattamento che, attraverso l’utilizzo della parola, permette l’elaborazione di contenuti e la regolazione di emozioni in un contesto caratterizzato dalla reciprocità tra paziente e terapeuta. Gli psicoterapeuti hanno una formazione specifica finalizzata alla cura delle malattie mentali e al raggiungimento da parte del soggetto di una soddisfacente gestione dei problemi personali ottenendo i cambiamenti desiderati nella propria vita.

La Depressione Maggiore è un disturbo caratterizzato dalla presenza di un umore depresso, perdita di interesse o di piacere per le attività quotidiane, disturbi del sonno, stanchezza e pensieri pessimistici sul futuro. La prevalenza media annuale della Depressione Maggiore in Europa tra i 18 ed i 65 anni di età è pari al 6,9 %, negli U.S.A. tra il 16,2 e il 16,6% degli adulti. In una classifica sul carico economico delle patologie sostenuto dal sistema sanitario mondiale la Depressione Maggiore è stata collocata al quarto posto nell’anno 2000. Nel 2020 si stima che tale disturbo occuperà il secondo posto (MLJM van Hees et al., 2013).

La psicoterapia viene considerata un trattamento efficace nella Depressione Maggiore in quanto aiuta il paziente a comprendere i fattori scatenanti del disturbo, il proprio vissuto cognitivo-emotivo e ad utilizzare nuove abilità. Dalle linee guida internazionali si evince come la terapia cognitivo-comportamentale possa essere efficace tanto quanto il trattamento con farmaci antidepressivi. Diversi studi, inoltre, suggeriscono che la combinazione di antidepressivi e psicoterapia possa permettere una risoluzione più rapida e prevenire le ricadute (Rupke et al., 2006).
Sono molte le tecniche psicoterapeutiche che possono essere impiegate nel trattamento della Depressione Maggiore e di altri disturbi depressivi.

La terapia cognitiva standard nasce dall’idea che i nostri pensieri possano influenzare le nostre emozioni ed azioni. Attraverso questo tipo di psicoterapia l’individuo può imparare ad individuare alcuni modelli comuni di pensiero negativo, chiamati distorsioni cognitive, e trasformare questi modelli di pensiero negativo in pensieri positivi, risollevando così l’umore.
La terapia comportamentale, invece, permette al paziente di modificare i comportamenti indesiderati, applicando i principi del condizionamento classico e operante al fine di rinforzare i comportamenti desiderati eliminando i comportamenti indesiderati.

I due approcci cognitivo e comportamentale sono spesso uniti durante il trattamento psicoterapeutico. Da questo modello è nata la terapia dialettico-comportamentale (DBT) che si è diffusa negli ultimi anni applicando all’approccio cognitivo-comportamentale tecniche meditative e di rilassamento. Il paziente durante il trattamento potrà accettare i propri limiti, valutare le proprie risorse al fine di realizzare un cambiamento valido alla risoluzione dei propri problemi e al raggiungimento dei propri obiettivi. Tale approccio psicoterapeutico è indicato per pazienti con disturbo borderline di personalità con comportamenti autolesivi.
La terapia cognitiva include anche l’approccio costruttivista (che si focalizza sia sui contenuti cognitivo-emotivi del paziente, sia sugli eventi esterni, che sulla relazione terapeuta-paziente) e l’approccio post-razionalista (che si focalizza principalmente sui contenuti cognitivo-emotivi del paziente).

La terapia psicodinamica si basa sul presupposto che il disturbo depressivo si sia verificato in seguito alla presenza di “conflitti”, irrisolti ed inconsapevoli, spesso originati nell’infanzia. L’obiettivo di questo tipo di terapia è che il paziente possa comprendere e affrontare questi contenuti ad alto carico emotivo parlando delle esperienze che hanno portato alla loro formazione. La frequenza delle sedute è di solito una o due volte alla settimana ed il trattamento può essere limitato nel tempo o di tipo aperto (Shedler, 2010).

La terapia interpersonale è un tipo di terapia che si focalizza sui ruoli sociali e sulle interazioni interpersonali. Durante il trattamento il terapeuta sceglie generalmente di approfondire la conoscenza di una o più aree problematiche presenti nella vita attuale del paziente. Aree problematiche possono essere le relazioni con amici, familiari o colleghi di lavoro, la perdita di ruolo e le transizioni, come il pensionamento o il divorzio.
Trattamenti psicoterapeutici, quali la terapia interpersonale o cognitivo-comportamentale e/o la farmacoterapia sono raccomandati come trattamento di prima linea per i pazienti adulti affetti da Depressione Maggiore ma nessuno risulta essere migliore degli altri. Le preferenze individuali del paziente, pertanto, dovrebbero essere prese in considerazione prima di iniziare un trattamento (MLJM van Hees et al., 2013).

La psicoterapia, inoltre, può essere individuale (paziente e terapeuta), la quale permette al paziente di avere la massima attenzione del terapeuta ma non permette al terapeuta di osservare il paziente all’interno delle relazioni sociali o familiari. Per approfondire il ruolo del paziente nel contesto familiare è nata, pertanto, la terapia familiare.

La terapia di gruppo, invece, indaga il ruolo dell’individuo all’interno di un contesto sociale che varia da tre a quindici soggetti. Tale terapia offre ai pazienti la possibilità di dare e ricevere supporto di gruppo nell’ affrontare i loro problemi di vita e permette al terapeuta di osservare come interagiscono i vari membri del gruppo.

Si può, infine, citare la terapia di coppia, rivolta generalmente a coppie sposate o conviventi che desiderano conoscere in maniera approfondita le dinamiche della loro vita di coppia e migliorare il loro funzionamento.

Riferimenti bibliografici:

Rupke SJ et al (2006). Cognitive Therapy for Depression. American Family Physician Web site. 73:1.

Shedler J (2010). The Efficacy of Psychodynamic Psychotherapy. American Psychological Association. 65 (2): 98-109.

MLJM van Hees et al (2013).The effectiveness of individual interpersonal psychotherapy as a treatment for major depressive disorder in adult outpatients: a systematic review. BMC Psychiatry. 13:22.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Depressione in menopausa: sintomi, rimedi naturali o farmacologici per evitare tristezza, ansia e panico

La menopausa è una condizione fisiologica della vita femminile che comporta notevoli cambiamenti: ormonali e psicologici. La presenza di periodi di depressione ed episodi di…

Continua a leggere...

Bassa autostima e ansia: cause, conseguenze, rimedi per risolvere i problemi

La presenza di bassa autostima è un problema psicologico diffuso soprattutto tra giovani ed adolescenti i quali, attraverso la percezione di un mondo minaccioso ed…

Continua a leggere...

Mancanza di appetito da ansia, depressione o anoressia nervosa: cause psicologiche di inappetenza e dimagrimento

La mancanza di appetito è un sintomo caratteristico di vari disturbi psichici: può presentarsi in seguito ad attacchi di panico (con ansia somatizzata allo stomaco),…

Continua a leggere...

Labilità emotiva come disturbo affettivo relazionale: cause e terapia

La labilità affettiva o emotiva è una manifestazione clinica di alcuni disturbi psichici come la Depressione Maggiore. Si tratta di un sintomo che può derivare da…

Continua a leggere...

Condividi con un amico