via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

disturbo schizoide di personalità

Amore e sessualità nel disturbo schizoide di personalità: significato, sintomi e cura

La personalità comprende schemi comportamentali profondamente radicati e le modalità attraverso le quali gli individui percepiscono, si relazionano e pensano a se stessi e al mondo. Un disturbo di personalità è un modello duraturo di esperienza interiore e comportamento che devia marcatamente dalle aspettative culturali dell’individuo, è inflessibile e pervasivo con inizio in adolescenza o nella prima età adulta e stabilità nel tempo. Tale modello generalmente causa una significativa compromissione del funzionamento quotidiano o angoscia interna.

Esistono disturbi di personalità caratterizzati da difficoltà in ambito sociale e sentimentale con difficoltà ad instaurare rapporti d’amore e/o relazioni sessuali soddisfacenti, uno di questi è il disturbo di personalità schizoide. Come vive l’amore e la sessualità un soggetto affetto da disturbo schizoide di personalità? Qual è il suo significato e cosa fare in caso di personalità schizoide narcisista? E’ possibile un innamoramento ovvero che un individuo schizoide sia innamorato, possa innamorarsi o provare odio? Il disturbo schizoide di personalità è un modello di indifferenza nei confronti delle relazioni sociali accompagnato da una gamma limitata di esperienze emotive. Il disturbo si manifesta all’inizio dell’età adulta attraverso distacco sociale ed emotivo che impedisce agli individui che ne sono affetti di avere relazioni intime. I soggetti affetti da tale disturbo di personalità sono in grado di vivere adeguatamente la vita di tutti i giorni ma tendono a non sviluppare relazioni significative con gli altri.

Quali sono i sintomi dei soggetti con disturbo di personalità schizoide? Solitamente sono individui solitari, inclini a sognare ad occhi aperti, i quali possono effettuare bene lavori solitari che altri troverebbero intollerabili. Gli individui affetti da tale disturbo di personalità provano piacere solo in poche attività, non desiderano relazioni intime, incluso avere una famiglia, si mostrano distaccati evitando attività sociali che implicano un contatto significativo con altre persone, quasi sempre scelgono attività solitarie con scarso interesse per esperienze sessuali e sembrano indifferenti alle lodi o alle critiche. Emerge comunemente freddezza emotiva, distacco o appiattimento affettivo con pochi cambiamenti osservabili nell’umore.

Nei manuali diagnostici esistono prove limitate per validità ed affidabilità sulla diagnosi di disturbo di personalità schizoide considerato separato e multiforme. Alcuni autori tenderebbero a suddividere il gruppo di pazienti definiti “schizoidi” in due sottogruppi distinti: un sottogruppo “ad affettività ristretta” che potrebbe essere meglio denominato disturbo schizotipico di personalità e un sottogruppo “isolato” che potrebbe essere considerato un disturbo evitante di personalità (Triebwasser et al., 2012). I soggetti con disturbo di personalità schizotipico mostrerebbero incidenze più elevate di sintomi psicotici. Sembrerebbe esserci, infatti, una crescente trasformazione nel tempo in schizofrenia di disturbi di personalità quali il paranoide, l’evitante, lo schizoide e lo schizotipico. Gli studi suggeriscono che potrebbero esistere dei disturbi di personalità comuni nello spettro schizofrenico e la presenza di sintomi psicotici sottosoglia in questi disturbi possono rappresentare una maggiore probabilità di sviluppare schizofrenia negli individui a rischio (Bolinskey et al., 2017).
La cura del disturbo schizoide di personalità comprende comunemente l’associazione di un percorso di psicoterapia ad una terapia farmacologica. Entrambi i trattamenti sono finalizzati al miglioramento dell’interazione sociale e all’incremento delle espressioni emotive.

Riferimenti bibliografici:

Bolinskey PK et al (2017). Schizophrenia spectrum personality disorders in psychometrically identified schizotypes at two-year follow-up. Psychiatry Res. 252:289-295.

Triebwasser J et al (2012). Schizoid personality disorder. J Pers Disord. 26(6): 919-26.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Binge watching, quando le serie TV creano dipendenza: come uscirne con la terapia adeguata

Nel mondo sempre più digitalizzato gli individui sono molto motivati a guardare serie televisive online. Grazie a piattaforme streaming quali Netflix si inizia dopo cena…

Continua a leggere...

Logorrea patologica, cause psicologiche e rimedi: perché una persona è logorroica, come smettere di essere logorroici

La logorrea patologica è un’alterazione del modo di parlare caratterizzata da un’eccessiva loquacità e può essere presente in vari disturbi psichiatrici e neurologici. Qual è la psicologia…

Continua a leggere...

Significato in psicologia di rabbia e odio: perché si tende ad odiare l’altro invece di collaborare serenamente

La rabbia e l’odio sono sentimenti molto diffusi nelle comunità. Ormai, infatti, sembrerebbero diventati fattori chiave nella cooperazione con gli altri. Quando si scelgono gli…

Continua a leggere...

Stress, ansia, depressione da rientro dalle vacanze: come affrontare il primo giorno di lavoro dopo le ferie

Stress, ansia e sintomi depressivi da rientro al lavoro dalle ferie sono manifestazioni molto comuni, spesso sottovalutati e tollerati, con conseguenti ripercussioni sulle attività quotidiane. La…

Continua a leggere...

Condividi con un amico