via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni-Disturbo-Bipolare

Disturbo bipolare

E’ anche conosciuto col nome di malattia maniaco-depressiva ed è caratterizzato da cambiamenti repentini del tono dell’umore, dell’energia e dei livelli di attività. Si parla di disturbo bipolare quando si verifica l’alternanza tra episodi depressivi ed episodi maniacali oppure solo maniacali (Disturbo Bipolare di tipo 1) oppure tra episodi depressivi e ipomaniacali (Disturbo bipolare di tipo 2). I sintomi possono essere severi. Durante la fase maniacale chi ne soffre può arrivare a non dormire per una settimana o ad effettuare acquisti avventati. Le oscillazioni dell’umore sono diverse da quelle normali e fisiologiche della vita quotidiana. I sintomi, infatti, possono portare a riduzione delle relazioni sociali, del funzionamento lavorativo e persino al suicidio. L’età media di insorgenza è più preoce rispetto alla Depressione Maggiore unipolare (18, 22 anni). La prevalenza nell’arco della vita in Italia è pari all’1,2-1,6%.

Secondo il DSM V per fase maniacale si intende la presenza per almeno una settimana di tre o più sintomi tra i seguenti: euforia, grandiosità, iperattività, logorrea, fuga di idee, diminuito bisogno di sonno, spese eccessive, eccessivo coinvolgimento in attività ludiche o pericolose. La fase maniacale è, inoltre, caratterizzata da compromissione del funzionamento quotidiano, necessità di ricovero e spesso da manifestazioni psicotiche. Si può andare incontro ad abuso di sostanze stupefacenti o alcol. Per fase ipomaniacale, invece, si intende la presenza di tre o più tra i sintomi della fase maniacale per almeno 4 giorni con un cambiamento del comportamento osservato dagli altri ma senza una gravità tale da richiedere ricovero o compromettere il funzionamento socio-lavorativo.

Il Disturbo Ciclotimico è una forma di disturbo bipolare cronico che dura da almeno due anni ed è caratterizzato dall’alternanza di episodi depressivi e ipomaniacali sottosoglia.

La terapia di questo disturbo è prevalentemente farmacologica e basata sull’utilizzo di stabilizzatori del tono dell’umore, ipnotici ed eventualmente bassi dosaggi di antidepressivi.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Tricotillomania e perdita dei capelli da stress: cause, rimedi omeopatici e terapia farmacologica per non perdere o strapparsi i capelli

La perdita dei capelli o alopecia può avere un effetto significativo sulla qualità della vita delle persone che ne sono affette e sulle loro relazioni…

Continua a leggere...

Come uscire dalla solitudine affettiva: cosa fare quando causa sintomi di tristezza, ansia e depressione

La condizione di solitudine momentanea, ripetuta nella vita quotidiana, può rinforzare i meccanismi psicologici che contribuiscono allo sviluppo di una condizione di solitudine prolungata, tristezza…

Continua a leggere...

Schizofrenia, sintomi iniziali: come inizia una psicosi e si diventa schizofrenici

La schizofrenia o psicosi è una patologia caratterizzata da deliri, allucinazioni, alterazioni comportamentali, disturbi dell’eloquio, sintomi cognitivi e negativi. Esperienze tipiche possono precedere ed indicare l’emergere…

Continua a leggere...

Fame emotiva o nervosa: cause e rimedi ovvero come controllarsi davanti al cibo

Il cibo può essere utilizzato come sfogo, consolazione, compensazione di un vuoto lasciato da una difficoltà nella regolazione delle emozioni. In questi casi si può…

Continua a leggere...

Condividi con un amico