via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

apatia

Apatia, come uscirne

Perché si diventa apatici, come stimolare e aiutare una persona apatica.

 

Gli ultimi decenni hanno visto in psicologia un crescente interesse per alcuni sintomi quali l’apatia, concettualizzata come perdita di motivazione che si manifesta attraverso una riduzione dei comportamenti diretti verso un obiettivo specifico. Il comportamento motivato, infatti, implica sequenze di azioni verso un obiettivo che deve essere mantenuto nel tempo e tale caratteristica sarebbe deficitaria nelle persone apatiche.

Perchè si diventa apatici? L’apatia si presenta frequentemente nei disturbi psichici e neurologici con un impatto sostanziale sulla qualità della vita. Questa sintomatologia sembrerebbe associata ad alterazioni nella corteccia frontale mediale e nelle strutture sottocorticali suggerendo l’esistenza di un meccanismo cerebrale comune che può essere alla base del suo sviluppo, indipendentemente dalla condizione che la causa. Come stimolare e aiutare una persona apatica? Parallelamente a questo crescente riconoscimento dell’importanza clinica dell’apatia, sono stati compiuti progressi significativi nella comprensione del comportamento motivato nell’uomo e negli animali (Le Heron et al., 2018). Le possibilità terapeutiche dell’apatia dipendono dal tipo di diagnosi effettuata alla persona apatica.

L’apatia è un sintomo comune nella Depressione Maggiore e nella depressione cronica. I pazienti la descrivono generalmente come una riduzione della partecipazione affettiva alle attività con conseguente difficoltà a portare a termine gli obiettivi prefissati.

Anche i sintomi negativi della schizofrenia possono comprendere l’apatia accompagnata frequentemente da abulia, anedonia, isolamento sociale, ridotta espressione dell’affettività e alogia. Sulla base della forte rilevanza dell’apatia per l’esito funzionale e la qualità di vita nel corso della patologia, un approccio diagnostico e terapeutico differenziato sarebbe di grande importanza. Una differenziazione specifica andrebbe effettuata tra i sintomi negativi primari (considerati come parte integrante della schizofrenia) e i sintomi negativi secondari (considerati come risultato di sintomi positivi, depressione presente in comorbilità, effetti collaterali dei farmaci antipsicotici, abuso di sostanze o deprivazione sociale) (Klaus et al., 2018).

L’apatia ed altri sintomi depressivi sono frequentemente osservati nei disturbi neurologici inclusa la demenza. Nei pazienti affetti da demenza i sintomi cognitivi e depressivi spesso si sovrappongono e l’apatia può rappresentare un sintomo di confine tra il deterioramento cognitivo e lo stato depressivo. Un metodo per distinguere clinicamente tra queste condizioni può essere quello di concentrarsi sulla motivazione primaria che sta alla base dell’alterazione del tono dell’umore, delle emozioni, dell’attività e degli interessi (Baba, 2018).

L’apatia è molto diffusa anche nella malattia di Parkinson. I risultati degli studi parlerebbero di sindrome multiforme. Non tutti gli aspetti dell’apatia sono ugualmente influenzati nel morbo di Parkinson. Anche in questa patologia, infatti, lo stato depressivo può essere caratterizzato da apatia e anedonia. Durante una ricerca nella quale veniva somministrato il test Apathy Motivation Index, mentre l’apatia comportamentale e l’apatia sociale presentavano punteggi elevati, la motivazione emotiva era relativamente preservata nel morbo di Parkinson, sebbene alcuni pazienti mostrassero una ridotta sensibilità emotiva. L’apatia comportamentale e sociale, ma non emotiva, era associata alla depressione e all’anedonia più che al morbo di Parkinson (Ang et al., 2018).

Esistono farmaci per l’apatia? Come uscirne e sconfiggerla? La terapia dell’apatia prevede il ricorso a farmaci differenti e specifici a seconda del disturbo (depressione, schizofrenia, demenza, morbo di Parkinson). Per aumentare la motivazione delle persone apatiche utile è intraprendere un percorso di psicoterapia.

Riferimenti bibliografici:

Ang YS et al (2018). Differential impact of behavioral, social, and emotional apathy on Parkinson’s disease. Ann Clin Transl Neurol. 5(10):1286-1291.

Baba H (2018). [Depression and Apathy]. [Article in Japanese]. Brain Nerve. 70(9):961-970.

Klaus F et al (2018). [Negative symptoms in schizophrenia – overview and practical implications]. [Article in French]. Rev Med Suisse. 14(619): 1660-1664.

Le Heron C et al (2018). Brain mechanisms underlying apathy. J Neurol Neurosurg Psychiatry. [Epub ahead of print].

Condividi l'articolo sui Social:

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

Disturbo ossessivo-compulsivo: sintomi iniziali e subclinici non pericolosi

Conoscere le cause scatenanti e le prime manifestazioni di questa patologia può facilitare il percorso di cura.   Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è caratterizzato dalla…

Continua a leggere...
ansia da allontanamento da casa

Quando passa l’ansia da separazione e come curarla se persiste

Cosa fare in caso di difficoltà ad allontanarsi da casa o dai propri familiari? . Il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione…

Continua a leggere...
dormire troppo

Clinomania: significato, cure, analogie e differenze con la depressione

Avere una stanchezza eccessiva e dormire troppo può essere sintomo di depressione, ansia o sindrome da affaticamento cronico.   A nessuno piace svegliarsi presto la…

Continua a leggere...
persona che ti delude

Come superare una delusione in amicizia e amore: psicologia, rimedi

Quando una persona ti delude profondamente niente torna come prima ma il cambiamento non implica necessariamente la fine della relazione.    Le delusioni della vita…

Continua a leggere...