via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

ansia al risveglio e depressione mattutina

Ansia al risveglio e angoscia depressiva la mattina: cosa fare? Rimedi per ansia e depressione mattutina

Sperimentare ansia al risveglio e un senso di angoscia depressiva mattutina è un aspetto molto comune, soprattutto tra i soggetti affetti da disturbi del sonno associati ad altri sintomi di depressione. Tutti noi preferiamo la mattina o la sera in base a fisiologiche fluttuazioni del tono dell’umore che derivano da una componente endogena del nostro orologio biologico. Esiste, infatti, tra gli individui una differenza nella fase circadiana che richiederebbe una determinata tempistica di comportamento. I ritmi biologici individuali, invece, sono generalmente sfasati a causa di vincoli socioeconomici rigidi (impegni lavorativi, familiari, sociali). Svegliarsi angosciati al mattino, quindi, potrebbe dipendere anche da questi fattori? Una ricerca ha determinato l’influenza della preferenza tra mattina o sera sullo stato di salute psicofisica di una popolazione attiva. In questo studio sono stati inclusi complessivamente 1165 lavoratori di una società elettrica nazionale francese con età media di 50 anni. I partecipanti hanno risposto via mail ad un questionario indicando la preferenza tra mattina o sera, la presenza di disturbi psicosomatici, i modelli soggettivi di sonno, la presenza di sonnolenza diurna e gli orari di sonno rilevati per 3 settimane. Dai risultati è emerso che i partecipanti con preferenza per la sera presentavano disturbi del sonno e dell’umore più intensi rispetto a quelli con un migliore stato psicofisico mattutino. La preferenza per la mattina o la sera, pertanto, era legata a disturbi cronici del sonno: con difficoltà nel mantenere il sonno e l’impossibilità di tornare a dormire in prima mattina a causa dei ritmi lavorativi o della presenza di ansia al risveglio o mattutina. Questi soggetti la sera presentavano difficoltà ad iniziare il sonno e al mattino eccessiva sonnolenza. L’espressione dell’avanzamento o del ritardo di fase dell’orologio circadiano, pertanto, sembrerebbe correlata ad un peggioramento della salute psicofisica e della qualità di vita (Taillard et al., 2001).

Nella manifestazione e variazione dell’intensità dell’ansia al risveglio e della depressione mattutina possono avere un ruolo rilevante anche i cambiamenti stagionali. Dati relativi a cambiamenti stagionali nell’umore e nell’ansia sono stati raccolti da 2398 residenti della Siberia occidentale, Sud e Nord Yakutia, Chukotka, Alaska e Turkmenistan. Le informazioni rilevate includevano anche variabili di salute mentale e fisica, di durata del sonno e adattabilità del ciclo di sonno-sveglia. La depressione più intensa è stata rilevata al mattino piuttosto che la sera. Questa rilevazione era legata ai cambiamenti stagionali piuttosto che alla gravità dei problemi associati a tali cambiamenti. La variazione tra gli individui nella preferenza tra mattina e sera ha spiegato rispettivamente non più del 2% e del 4% della variazione totale dei livelli di depressione e della stagionalità (Putilov, 2017).

Le oscillazioni dei sintomi ansioso-depressivi in contesti dinamici sono ancora poco considerate. Questa situazione è aggravata dalla limitata capacità degli individui di riferire in modo preciso determinati aspetti dei sintomi. Esistono, infatti, fattori ambientali, neurobiologici e psicologici associati ai sintomi depressivi e ansiosi. Una ricerca ha reclutato partecipanti con diagnosi di Depressione Maggiore (n=118), fobia sociale (n=47) e un gruppo di controllo senza queste diagnosi (n=119). Le valutazioni della ricerca comprendevano abilità cognitive, capacità di memoria, costrutti cognitivi ed il dosaggio ematico del fattore neurotrofico cerebrale BDNF. Lo studio è durato sette giorni, con valutazioni di variabili quali sintomi, effetti, eventi quotidiani, interazioni sociali, processi post-evento, stato di benessere. Sono stati valutati anche il cortisolo ematico e l’actigrafia del mattino. Successivamente i partecipanti hanno fornito stime soggettive retrospettive delle emozioni sperimentate durante l’esame. Sono state raccolte 10000 osservazioni al fine di esaminare approfonditamente le fluttuazioni della psicopatologia e del benessere in questi disturbi altamente diffusi nella popolazione. Questa ricerca, pertanto, ha dimostrato lo sviluppo, la fluttuazione e il mantenimento dell’associazione tra difficoltà a regolare le emozioni ed i sintomi ansioso-depressivi esaminando come i partecipanti possono richiamare queste dimensioni (Gloster et al., 2017).

Cosa fare per combattere l’ansia al risveglio e l’angoscia depressiva mattutina? Esistono rimedi efficaci per l’ansia e la depressione mattutina? Il comportamento più utile per recuperare il proprio stato di benessere, riuscendo a gestire le proprie emozioni, è quello di rivolgersi ad uno psichiatra psicoterapeuta al fine di ottenere una corretta diagnosi e l’impostazione di un’adeguata terapia che può consistere in un percorso psicoterapeutico e/o in un trattamento farmacologico a seconda della durata e della gravità del disturbo.

Riferimenti bibliografici:

Gloster AT et al (2017). Daily fluctuation of emotions and memories thereof: Design and methods of an experience sampling study of major depression, social phobia, and controls. Int J Methods Psychiatr Res. 26(3).

Putilov AA (2017). Associations of depression and seasonality with morning-evening preference: Comparison of contributions of its morning and evening components. Psychiatry Res. pii: S0165-1781(17)30105-1. [Epub ahead of print].

Taillard J et al (2001). Is self-reported morbidity related to the circadian clock? J Biol Rhythms. 16(2): 183-90.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Nuove cure efficaci per il disturbo ossessivo-compulsivo: come guarire dalle ossessioni con psicofarmaci innovativi e nuovi percorsi di psicoterapia

Negli ultimi decenni la cura del disturbo ossessivo-compulsivo (anche detto DOC) si è basata prevalentemente sulla prescrizione di farmaci inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina…

Continua a leggere...

Fibromialgia: cos’è, quali sono le cause, i sintomi e come si cura con i farmaci nell’ambito di un intervento integrato

La fibromialgia è una sindrome caratterizzata da dolore cronico muscolo-scheletrico e rigidità. La prevalenza di questo disturbo nella popolazione generale varia tra lo 0,2 e…

Continua a leggere...

Autolesionismo psicologico, cause e conseguenze: come smettere di tagliarsi, cosa fare per guarire, in che modo aiutare una persona autolesionista

L’autolesionismo psicologico è un fenomeno diffuso tra gli adolescenti. Frequentemente vengono segnalati comportamenti autolesivi e tentativi di suicidio anche tra gli adolescenti detenuti in strutture…

Continua a leggere...

Come superare la paura di morire: liberarsi dall’ansia della morte che deriva dalla preoccupazione di perdere il controllo

La paura della morte e di una malattia potenzialmente mortale è parte di ognuno di noi. Morire, infatti, rappresenta la forma più estrema di perdita…

Continua a leggere...

Condividi con un amico