via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

schizofrenia nuovi farmaci

Schizofrenia: una cura definitiva grazie a nuovi farmaci antipsicotici?

Tutti i farmaci attualmente approvati per il trattamento della schizofrenia hanno come bersaglio l’antagonismo dopaminergico. Questi principi attivi risultano efficaci per la riduzione dei sintomi psicotici (come i deliri, le allucinazioni) ma la loro efficacia sembrerebbe scarsa sui sintomi negativi (come l’appiattimento affettivo) e cognitivi (i deficit mnesici, la difficoltà di attenzione o concentrazione). Tali sintomi residui sono generalmente alla base della disabilità di questa patologia cronica.

Approfondimenti recenti sulle basi biologiche della schizofrenia, in particolare in relazione ai meccanismi fisiopatogenetici non dopaminergici, hanno sollevato l’interesse dei ricercatori su nuovi bersagli farmacologici efficaci, anche se con relativamente scarso successo finora.
I potenziali ostacoli alla scoperta di nuovi farmaci sono rappresentati da: l’eterogeneità dei sintomi o delle diagnosi, la mancanza di modelli preclinici validi e le limitazioni di progetti negli studi clinici. Questi ostacoli possono essere superati attraverso: una diagnosi dimensionale che permetterebbe l’individuazione di varie aree bersaglio di un potenziale trattamento; l’efficienza, la responsabilità e la trasparenza negli approcci al processo di sperimentazione clinica; lo sfruttamento dei recenti progressi nel campo della genetica e dei fenotipi in vitro. Mentre questo accade è indispensabile per i medici utilizzare un dosaggio ottimale dei farmaci disponibili in commercio mantenendo nel tempo i risultati raggiunti dai loro pazienti (Keshavan et al., 2016).

Sono passati più di 50 anni dalle ricerche sui primi farmaci antipsicotici, rimane, pertanto, una grande necessità di individuare nuovi bersagli terapeutici. Sono state suggerite altre ipotesi oltre a quella della dopamina. I nuovi farmaci avrebbero azione su alcuni sistemi di neurotrasmettitori. Tra questi si possono segnalare gli inibitori della fosfodiesterasi 10A ed i modulatori dei recettori dell’acetilcolina alpha 7. La commercializzazione di questi farmaci potrebbe rivoluzionare il trattamento della schizofrenia (Gopalakrishna et al., 2016).

La pimavanserina (nome commerciale Nuplazid) è un potente, selettivo agonista inverso e antagonista del recettore della serotonina 2A (5-HT2A) sviluppato dalla ACADIA Pharmaceuticals. Il farmaco è stato approvato negli Stati Uniti per il trattamento dei pazienti con psicosi associata al morbo di Parkinson. Fino al 60% dei pazienti con malattia di Parkinson, infatti, possono sviluppare allucinazioni e deliri con conseguente aumento della morbilità e mortalità (Markham, 2016).

Il modello della ketamina per la schizofrenia, invece, ha portato a diverse strategie terapeutiche che regolerebbero l’attività del recettore postsinaptico dell’acido glutammico N-metil D-aspartato (NMDA) attraverso agonisti diretti al sito del recettore della glicina ed inibitori della ricaptazione della glicina.
La ketamina agirebbe a livello degli interneuroni inibitori dei recettori NMDA riducendo il rilascio di glutammato. Questi approcci hanno incontrato un certo successo nel trattamento dei sintomi negativi e positivi della schizofrenia.

Un approccio emergente prevede l’utilizzo dell’agonista parziale NMDA, D-cicloserina, proponendosi di valorizzare la plasticità sinaptica, attraverso un trattamento intermittente, riducendo così i sintomi negativi e migliorando la memoria dei pazienti psicotici. In combinazione con la psicoterapia cognitivo-comportamentale la D-cicloserina sembrerebbe ridurre i sintomi deliranti nella schizofrenia (Goff, 2016).

I deficit cognitivi rappresentano un aspetto disabilitante della schizofrenia per i quali non esistono trattamenti farmacologici davvero efficaci. Prove emergenti suggeriscono che le terapie a base di estrogeni possono essere utili per ridurre i deficit cognitivi associati alla schizofrenia. Il modulatore selettivo del recettore degli estrogeni Raloxifene può essere utile per migliorare l’attenzione, la memoria, l’apprendimento e l’attività cerebrale degli uomini o delle donne affetti da malattie croniche come la schizofrenia ed il disturbo schizoaffettivo. Ulteriori studi saranno necessari per replicare i risultati iniziali, valutare nel tempo gli effetti del trattamento, identificare biomarcatori in sottogruppi di pazienti che hanno risposto in modo ottimale alla terapia, identificando un meccanismo più preciso di azione che può riguardare gli effetti anti-infiammatori dei trattamenti a base di estrogeni (Weickert et al., 2016).

Riferimenti bibliografici:

Goff D (2016). The Therapeutic Role of d-Cycloserine in Schizophrenia. Adv Pharmacol. 76: 39-66.

Gopalakrishna G et al (2016). Update on New and Emerging Treatments for Schizophrenia. Psychiatr Clin North Am. 39(2): 217-38.

Keshavan MS et al (2016). New drug developments in psychosis: Challenges, opportunities and strategies. Prog Neurobiol. S0301-0082(16) 30075-2. [Epub ahead of print].

Markham A (2016). Pimavanserin: First Global Approval. Drugs. 76(10): 1053-7.

Weickert TW et al (2016). Potential Role of Oestrogen Modulation in the Treatment of Neurocognitive Deficits in Schizophrenia. CNS Drugs. 30(2): 125-33.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Cause, sintomi e terapia della piromania: il profilo psicologico del piromane

Per piromania si intende l’appiccamento deliberato ed intenzionale del fuoco in più di un’occasione. Consultando il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione (DSM-5) si…

Continua a leggere...

Come capire se è asma o ansia: correlazione tra patologia asmatica, attacchi di panico e depressione

Non è rara la comorbilità tra asma bronchiale e disturbi d’ansia in giovani ed adulti. Quando si fa fatica a respirare come capire se si…

Continua a leggere...

Come aiutare una persona in depressione o ansiosa: cosa possono fare i familiari di genitori o figli depressi

Nei giovani la presenza di depressione e disturbi d’ansia rappresenta un problema di salute globale. Come aiutare una persona depressa o ansiosa quando rifiuta ogni aiuto, soprattutto se si…

Continua a leggere...

A cosa sono dovuti gli attacchi di panico, da cosa dipendono: cause scatenanti e psicologiche dei sintomi d’ansia

Gli attacchi di panico sono delle manifestazioni d’ansia dovute ad una predisposizione psicologica e ad una serie di cause favorenti. Quali sono le cause scatenanti…

Continua a leggere...

Condividi con un amico