manipolatore perverso

Narcisismo maligno: come difendersi

Il narcisista maligno si può curare se affronta il suo disturbo come problematica di coppia.

Per narcisismo maligno si intende una sindrome complessa che comprende tratti di personalità narcisistici uniti a comportamenti che ricordano i disturbi di personalità borderline, antisociale e paranoie.

Si tratta di soggetti, anche detti manipolatori perversi, che hanno un’esagerata considerazione del proprio valore, presuntuosi, che si sentono superiori e per questo meritevoli di trattamenti particolari richiedendo un soddisfacimento immediato dei propri bisogni.

Il raggiungimento di un bisogno è il loro obiettivo principale che li porta spesso a manipolare una vittima, ad esempio il proprio partner, inducendo il lei un forte senso di colpa. Ed è così che la relazione si basa su regole rigide, spesso impostate proprio dal narcisista, le quali, se non rispettate, conducono ad atti di violenza proprio come nel disturbo antisociale di personalità.

Il giorno dopo, invece, questi soggetti magari si comportano come se non fosse successo nulla manifestando marcate oscillazioni emotive proprio come i soggetti affetti da disturbo borderline

I manipolatori perversi, inoltre, giudicano la vittima e sono convinti di non sbagliare mai. Se si provano a contestare o ad attaccare in quale modo posso manifestare atteggiamenti persecutori proprio come i soggetti affetti da disturbo di personalità paranoide.

Cosa fare se ci si trova in una relazione con un soggetto affetto da narcisismo maligno?

Sicuramente bisogna chiedere aiuto alle autorità se si sono subiti episodi di violenza. In caso contrario si può provare ad affrontare il problema come una difficoltà di coppia proprio perché, mancando di capacità di introspezione, questi soggetti mostrano disagio se invitati a rivolgersi ad uno specialista.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra Psicoterapeuta Roma

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

farmacofobia

Come superare la paura di prendere i farmaci

Il timore di assumere i farmaci si può superare chiedendo spiegazioni dettagliate al medico prescrittore o effettuando un percorso di psicoterapia. La paura di prendere…

Continua a leggere...
diagnosi psicologica errata

Diagnosi psicologica sbagliata: cosa fare?

In caso di una diagnosi errata in psichiatria è possibile richiedere un secondo parere o effettuare test psicodiagnostici prescritti dal medico curante. La diagnosi psicologica…

Continua a leggere...
patricidio o matricidio

Il desiderio di uccidere il padre o la madre: significato in psicologia

Il pensiero di uccidere i propri genitori può essere un’ossessione oppure un vero e proprio piano omicida che va valutato attentamente da uno specialista. Il…

Continua a leggere...
essere rifiutati da innamorati

Rifiuto in amore: cosa fare?

Essere rifiutati quando si è innamorati di qualcuno può comportare l’insorgenza di sintomi ossessivi, depressivi e comportamenti aggressivi tali da richiedere il supporto di uno…

Continua a leggere...