via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

qualità di sonno

Avere sonno e non riuscire a dormire: come alcune abitudini di vita modificano la qualità del riposo notturno

Avere sonno e non riuscire a dormire può dipendere da alcune abitudini di vita scorrette. Un sonno ristoratore è fondamentale per intraprendere con efficienza le attività quotidiane. Un sonno di scarsa durata o qualità, infatti, può comportare sonnolenza diurna, stanchezza, difficoltà di concentrazione con conseguente riduzione delle attività sociali e lavorative.
La qualità di sonno può essere influenzata da diversi fattori: secondo recenti ricerche l’insonnia, a sua volta, eserciterebbe un effetto negativo sullo stato di salute.

Uno studio ha valutato gli effetti di eventi ed abitudini sull’insonnia al fine di comprendere meglio come ci si dovrebbe addormentare per ottenere un riposo notturno soddisfacente. 455 individui adulti hanno riempito un questionario specifico sull’insonnia. Il 13,4% dei partecipanti manifestava un’insonnia, influenzata da diversi fattori come la qualità della dieta, il consumo di caffè e l’attività fisica. La carenza di sonno, inoltre, era correlata alla prevalenza di malattie croniche e sintomi psicosomatici. Le cause più frequenti dei disturbi del sonno erano le seguenti: stress legato al lavoro (35,6% del campione), stress quotidiano personale (35,4% del campione) e dolori (24,2% del campione). La maggior parte dei partecipanti con disturbi del sonno guardavano la televisione (52,1% del campione) e leggevano (33% del campione). Il 7,5% e l’11,4% dei partecipanti utilizzavano sonniferi e tisane, rispettivamente, al fine di migliorare la qualità di sonno (Fusz et al., 2016).

Secondo recenti ricerche una scarsa qualità di sonno contribuirebbe allo sviluppo di patologie cardiovascolari. La prevalenza di disturbi del sonno tra i pazienti ricoverati per malattie cardiovascolari e l’associazione con disturbi psicologici è tutt’ora poco conosciuta. Uno studio ha valutato la prevalenza di una scarsa qualità di sonno e la sua associazione con disturbi psichici (depressione e ansia) nei pazienti affetti da malattie cardiovascolari.
E’ stato reclutato un totale di 1071 pazienti ricoverati in cardiologia (790 uomini, età media: 64 ± 14 anni di età). Sono stati, inoltre, valutati presenza e gravità di disturbi del sonno, depressione ed ansia tramite la somministrazione di test specifici. Dai risultati è emerso che 461 pazienti ricoverati (il 43%) avevano una scarsa qualità di sonno. La scarsa qualità di sonno sembrava associata ad alti punteggi alle scale di depressione ed ansia in una percentuale di casi nettamente superiore tra le donne rispetto agli uomini. L’associazione tra scarsa qualità di sonno ed alti punteggi alle scale di ansia è stata più significativa tra i pazienti senza malattie coronariche. La scarsa qualità di sonno, quindi, sembrerebbe molto diffusa e associata a disturbi psichici (depressione, ansia) nei pazienti con malattie cardiovascolari (Matsuda et al., 2016).

Diversi studi hanno descritto discrepanze tra le misure soggettive e oggettive del sonno. I pazienti con disturbo bipolare, ad esempio, mostrerebbero una tendenza sistematica a sottovalutare la durata del sonno ed a sovrastimare la latenza del sonno. Per valutare questi due parametri è stata utilizzata l’actimetria in 49 partecipanti eutimici (21 bipolari e 28 controlli sani) per 5-7 giorni. I partecipanti, allo stesso tempo, hanno registrato la durata del sonno stimata e la latenza del sonno quotidianamente, attraverso la compilazione di un diario del sonno on-line. Dai risultati i pazienti con disturbo bipolare sottovalutavano in modo significativo la loro durata del sonno ma non sovrastimavano la latenza del sonno rispetto ai controlli sani. L’uso aggiuntivo di metodi oggettivi di valutazione come l’actimetria, pertanto, sarebbe consigliabile in questi pazienti (Ritter et al., 2016).
Cosa fare se, nonostante la modifica delle abitudini sopracitate, dovesse persistere un sonno di scarsa qualità? Sarebbe utile affidarsi ad uno specialista al fine di comprendere se sia il caso o meno di intraprendere un percorso farmacologico e/o psicoterapeutico al fine di migliorare il proprio riposo notturno salvaguardando lo stato di salute psicofisica.

Riferimenti bibliografici:

Fusz K et al (2016). [Insomnia and habits to help to fall asleep among adults]. [Article in Hungarian]. Orv Hetil. 157(49): 1955-1959.

Matsuda R et al (2016). The prevalence of poor sleep quality and its association with depression and anxiety scores in patients admitted for cardiovascular disease: A cross-sectional designed study. Int J Cardiol. 228: 977-982. [Epub ahead of print].

Ritter PS et al (2016). Comparison of Subjective and Objective Sleep Estimations in Patients with Bipolar Disorder and Healthy Control Subjects. Sleep Disord. 2016: 4031535.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Come aiutare un malato di cancro depresso: l’importanza del sostegno psicologico per i pazienti oncologici

Il carico psicologico rappresenta un ulteriore problema di salute per il paziente malato di cancro. Tuttavia non è chiaro in che modo il disagio emotivo possa…

Continua a leggere...

Come smettere di avere paura dei cani o dei ragni: superare cinofobia o aracnofobia con la psicoterapia

La paura dei cani (cinofobia) e la paura dei ragni (aracnofobia) come tutti i disturbi d’ansia sono caratterizzate da una sovrastima degli esiti avversi di…

Continua a leggere...

Quando una persona non vuole curarsi: come aiutare a farsi curare chi non vuole essere aiutato

Non tutti i soggetti affetti da un disturbo psichico decidono di curarsi. La malattia mentale è considerata da molti una manifestazione di debolezza, un disagio da…

Continua a leggere...

Nuove cure efficaci per il disturbo ossessivo-compulsivo: come guarire dalle ossessioni con psicofarmaci innovativi e nuovi percorsi di psicoterapia

Negli ultimi decenni la cura del disturbo ossessivo-compulsivo (anche detto DOC) si è basata prevalentemente sulla prescrizione di farmaci inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina…

Continua a leggere...

Condividi con un amico