farmaco ad azione rapida

Qual è l’antidepressivo che fa effetto subito?

Gli attuali studi scientifici sono rivolti all’individuazione di farmaci antidepressivi ad azione immediata.

Le ultime ricerche in ambito psichiatrico riguardano farmaci antidepressivi con effetto immediato.
Le attuali opzioni terapeutiche per la Depressione Maggiore e il disturbo bipolare, purtroppo, sono associate ad un ritardo di insorgenza degli effetti benefici che può prolungare il disagio dei pazienti. In alcuni pazienti, inoltre, l’efficacia degli antidepressivi è limitata.

Dopo quanto tempo fa effetto un farmaco antidepressivo?

Un farmaco antidepressivo impiega generalmente 2 o 3 settimane per fare effetto. Inizialmente possono essere avvertiti dai pazienti alcuni effetti collaterali che si possono contenere grazie all’utilizzo temporaneo delle benzodiazepine.

Come agiscono gli attuali farmaci antidepressivi?

Tutti i farmaci antidepressivi agiscono principalmente attraverso meccanismi monoaminergici ovvero modulando la trasmissione nervosa serotoninergica, dopaminergica e noradrenergica.

Quali sono i nuovi bersagli molecolari per la cura dei disturbi dell’umore?

Il glutammato è il principale neurotrasmettitore eccitatorio del sistema nervoso centrale. Questo neurotrasmettitore ed i suoi recettori affini sono implicati nella fisiopatologia dei disturbi dell’umore ma anche nello sviluppo di nuove terapie per questi disturbi. Gli effetti antidepressivi rapidi e robusti dell’antagonista dell’N-metil-D-aspartato (NMDA) ketamina sono stati osservati per la prima volta nel 2000. Da allora, altri antagonisti del recettore NMDA sono stati studiati nel Depressione Maggiore. La maggior parte degli studi scientifici ha dimostrato effetti antidepressivi relativamente modesti di questi antagonisti rispetto alla ketamina. Solo alcuni studi, invece, hanno dimostrato effetti più favorevoli degli altri antagonisti.
Altri promettenti effetti antidepressivi rapidi possono coinvolgere: il sistema colinergico (che vede coinvolta la scopolamina), il sistema oppioide (con la molecola ALKS-5461) e gli antagonisti del recettore del fattore di rilascio della corticotropina (con la molecola CP-316,311).

Quali sono i nuovi farmaci per la Depressione Maggiore e il disturbo bipolare?

Sono in corso sperimentazioni su nuovi modulatori del recettore del glutammato con affinità diretta per i recettori affini quali antagonisti non competitivi del recettore NMDA (ketamina, memantina, destrometorfano, AZD6765), antagonisti del recettore NMDA specifici della subunità (GluN2B) (CP-101,606/traxoprodil, MK-0657), agonisti parziali del sito della glicina del recettore NMDA (GLYX-13) e modulatori del recettore metabotropico del glutammato (mGluR) (AZD2066, RO4917523/basimglurant) (Machado-Vieira et al., 2017).

Il farmaco Ketamina può essere associato ad altri farmaci antidepressivi?

Il farmaco anestetico e antidepressivo ketamina è ben caratterizzato come antagonista del recettore NMDA (NMDAR). Tuttavia, la rilevanza e l’impatto completo di questa farmacologia non sono ancora ben definiti. L’attivazione del recettore NMDA, che si verifica a valle delle azioni iniziali, è necessaria per gli effetti benefici della ketamina e di molti altri presunti farmaci antidepressivi. Pertanto, la modulazione di questo recettore in vivo può essere una strategia antidepressiva efficace direttamente ma anche agendo in sinergia con altri farmaci (Zanos P et al., 2023).

Riferimenti bibliografici:

Machado-Vieira R et al (2017). New targets for rapid antidepressant action. Review. Prog Neurobiol. 152: 21-37.

Zanos P et al (2023). NMDA Receptor Activation-Dependent Antidepressant-Relevant Behavioral and Synaptic Actions of Ketamine. J Neurosci. 43(6): 1038-1050.

Segui la Dott.ssa Corteccioni sui Social

Ti piace il sito della dottoressa Corteccioni? Seguila subito su Facebook, Instagram e YouTube per scoprire le ultime notizie e tutti gli approfondimenti sulla salute mentale. Clicca sui pulsanti qui sotto.

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra psicoterapeuta Roma Tiziana Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

ULTIMI ARTICOLI

depressione serotonina

Da cosa è causata la Depressione Maggiore?

Non solo deficit della ricaptazione della serotonina: la Depressione Maggiore può avere altre cause, tutte da scoprire. L’ipotesi che la Depressione Maggiore sia causata da un…

Continua a leggere...
farmaco ad azione rapida

Qual è l’antidepressivo che fa effetto subito?

Gli attuali studi scientifici sono rivolti all’individuazione di farmaci antidepressivi ad azione immediata. Le ultime ricerche in ambito psichiatrico riguardano farmaci antidepressivi con effetto immediato….

Continua a leggere...
psicofarmaci nocivi

Gli psicofarmaci danneggiano il cervello? Niente di più falso

Numerosi studi scientifici dimostrano che gli psicofarmaci possono migliorare le funzioni cerebrali, preservando le alterazioni strutturali presenti in pazienti affetti da patologie neurodegenerative. E’ una…

Continua a leggere...
stigma

Come non farsi condizionare dal giudizio e dai pregiudizi degli altri

Il giudizio e i pregiudizi degli altri non devono condizionare la vita di chi soffre: è ora di dire basta! Viviamo in una società dove…

Continua a leggere...