via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

parlare troppo velocemente

Perché si parla troppo velocemente

Significato in psicologia, rimedi, come parlare lentamente.

 

Parlare troppo velocemente è un disturbo dell’eloquio che può creare difficoltà di comunicazione e si manifesta generalmente in vari disturbi psichiatrici e neurologici. Tale disturbo (anche detto tachicalia) è caratterizzato da un’accelerazione dell’eloquio durante la quale chi parla troppo veloce oltre a parlare velocemente può letteralmente mangiarsi le parole rendendo difficile la comprensione di un discorso. 

Perchè si parla troppo velocemente? Quali sono le cause? Tra le cause neurologiche si può segnalare la demenza e il morbo di Parkinson. Le patologie psichiatriche che possono essere caratterizzate da tachicalia sono il disturbo bipolare e i disturbi d’ansia. In questi disturbi la tachicalia può essere associata a logorrea. E’ importante sottolineare che una modalità di eloquio tachilalico può essere presente anche in soggetti senza patologie psichiatriche o neurologiche.

Il linguaggio è stato studiato soggettivamente (ascoltando le registrazioni) e oggettivamente (misurando la durata di un discorso) in 67 pazienti affetti da morbo di Parkinson, 10 soggetti affetti da altri disturbi neurologici e 72 pazienti con patologie psichiatriche. Dai risultati di questa ricerca è emersa un’accelerazione del discorso maggiore nei pazienti affetti da morbo di Parkinson (con 8 sillabe al secondo). La durata totale di una frase letta da molti pazienti parkinsoniani tachilalici era la stessa di quella dei soggetti di controllo normali che leggevano il più velocemente possibile. La durata delle pause tra le parole variava notevolmente nelle varie categorie di soggetti. Quasi la metà dei parkinsoniani tachilalici (10 su 23) aveva un tempo di produzione delle parole (escluse le pause) più breve della durata più breve registrata tra i controlli normali della stessa età (Dordain et al., 1978). 

Meglio parlare lentamente o velocemente? Quale è il significato in psicologia di un eloquio accelerato? Le ipotesi psicologiche della presenza di un eloquio accelerato possono essere un vissuto di disagio psicologico o il volontario tentativo di persuadere l’altro utilizzando un linguaggio concitato, ad alta voce e, a volte, aggressivo. Al contrario il significato in psicologia del parlare a bassa voce sarebbe quello di assumere un atteggiamento posato e dimesso, il meno possibile attrattivo per l’ascoltatore. Le emozioni alla base possono essere la vergogna o la paura del giudizio dell’altro.

Quali sono i rimedi per la tachicalia? Esiste una cura per chi parla troppo velocemente? Come parlare lentamente? Se si tratta di un disturbo isolato e crea difficoltà di comunicazione utile è ascoltare il parere di un logopedista. Lo psichiatra psicoterapeuta va consultato solo se il disturbo è accompagnato da altri sintomi indicativi di disturbo psicologico. In caso di disturbi neurologici, invece, sarebbe meglio rivolgersi ad uno specialista neurologo.

Riferimenti bibliografici:

Dordain M et al (1978). [Tachylalia: clinical and acoustic study of 149 subjects (author’s transl)]. Acta Neurol Belg. [Article in French]. 78(6):354-72.

Condividi l'articolo sui Social:

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Ludopatia: come uscirne da soli o con l’aiuto di un terapeuta

Quali sono le possibili auto-terapie per il gioco d’azzardo patologico e quando serve il supporto di uno specialista?    Il gioco d’azzardo patologico (o ludopatia) rappresenta…

Continua a leggere...
disturbi d'ansia generalizzato

Nel cervello di chi ha paura di tutto: psicologia, dati neurobiologici

Un viaggio nella mente di chi teme ogni cosa.   Chi ha paura di tutto non riesce a vivere serenamente sia perché presenta un calo…

Continua a leggere...
allucinazioni da perdita

Allucinazioni dopo lutto: cosa sono, quando preoccuparsi

Una perdita significativa può comportare l’insorgenza di fenomeni dispercettivi transitori o persistenti.    Dopo un lutto si cambia, si rivalutano i propri bisogni e quelli degli altri…

Continua a leggere...
nuovo antipsicotico di terza generazione

Farmaci neurolettici di nuova generazione: in arrivo la cariprazina

In Italia è in arrivo la cariprazina (nome commerciale Vraylar ), un nuovo farmaco neurolettico (o antipsicotico), una molecola efficace nel trattamento della schizofrenia e del disturbo…

Continua a leggere...