Neurobiologia del disturbo bipolare-gli ultimi studi scientifici - Psichiatra Roma

Neurobiologia del disturbo bipolare: gli ultimi studi scientifici

Neurobiologia del disturbo bipolare: gli ultimi studi scientifici.

I meccanismi neurobiologici alla base del disturbo bipolare non sono stati totalmente chiariti e questo limita lo sviluppo di nuove cure. Il disturbo sembrerebbe derivare dall’interazione tra fattori genetici che causano suscettibilità e fattori ambientali predisponenti, precipitanti e perpetuanti, come stress ed eventi traumatici. Un mal funzionamento nelle cascate biochimiche intracellulari, lo stress ossidativo e la disfunzione mitocondriale comprometterebbero i processi legati alla plasticità neuronale, portando ad un danno cellulare e alla conseguente perdita di tessuto cerebrale che è stata identificata in studi post-mortem e di neuroimaging di pazienti affetti da disturbo bipolare. I dati esaminati suggeriscono che i biomarcatori periferici legati agli ormoni, all’infiammazione, allo stress ossidativo e alle neurotrofine sono alterati nei pazienti con questo disturbo, specialmente durante gli episodi acuti di oscillazione del tono dell’umore. Questi cambiamenti, inoltre, sono stati associati ad una tossicità sistemica della malattia e al danno derivante dai molteplici episodi contropolari. Nel disturbo bipolare la tossicità sistemica correlata ad episodi ricorrenti può determinare cambiamenti anatomici del cervello con conseguente progressione dello stress e modificazione della neuroplasticità, influenzando negativamente la risposta al trattamento (Young & Juruena, 2021).

Proprio per questo diversi pazienti affetti da disturbo bipolare rimangono sintomatici. Il progresso nella comprensione accurata della neurobiologia alla base del disturbo bipolare potrebbe aiutare all’identificazione di nuovi bersagli terapeutici, di biomarcatori per la diagnosi precoce, la prognosi e la risposta al trattamento.

Nonostante i progressi nelle conoscenze fisiopatologiche del disturbo bipolare, la diagnosi e la gestione della malattia sono ancora essenzialmente cliniche. Data la complessità individuale del cervello e la stretta relazione tra esposizione ambientale e funzione cerebrale, sono necessarie nuove ricerche che incorporino dati genetici, epigenetici, molecolari, fisiologici, clinici, ambientali e di imaging cerebrale per avere maggiori informazioni che possano essere tradotte in prevenzione e risultati migliori per la terapia dei pazienti (Scaini et al., 2020).

 

Riferimenti bibliografici:

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra psicoterapeuta Roma Tiziana Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

stigma

Come non farsi condizionare dal giudizio e dai pregiudizi degli altri

Il giudizio e i pregiudizi degli altri non devono condizionare la vita di chi soffre: è ora di dire basta! Viviamo in una società dove…

Continua a leggere...
paura di non riuscire a prenotare viaggi

Cos’è la Notriphobia: cause, sintomi e cure

La Notriphobia è la paura di non aver prenotato viaggi e può essere trattata con un percorso di psicoterapia cognitivo-comportamentale. Il termine “notriphobia” deriva dalla…

Continua a leggere...
storia della psichiatria - Psichiatra Roma

La storia della Psichiatria

La storia della Psichiatria: dai riti religiosi alle terapie validate dagli studi scientifici. La psichiatria è la disciplina medica che si occupa di prevenire, diagnosticare,…

Continua a leggere...
Le promettenti ricerche sull’uso della Ketamina nella Depressione Maggiore Resistente - Psichiatra Roma

Uso della Ketamina nella Depressione Maggiore Resistente

Le promettenti ricerche sull’uso della Ketamina nella Depressione Maggiore Resistente. Negli ultimi due decenni, l’agente anestetico dissociativo ketamina, un antagonista non competitivo del recettore N-metil-D-aspartato…

Continua a leggere...