ansia e odio per il Natale

La sindrome del Grinch: ansia e odio per il Natale

Quando odiare il Natale diventa una patologia?

 

Natale è una festività molto amata in molte parti del mondo. Tutti, infatti, si aspettano di dare, ricevere doni e vicinanza in questo periodo. Chi non si comporta così può essere considerato diverso quando si può provare anche ansia e rabbia verso il Natale. Attualmente un individuo del genere può essere rapidamente etichettato come Grinch.

Molto semplicemente, un Grinch è una persona a cui non piace il Natale. Non è assolutamente vero che queste persone possono rovinare il Natale agli altri. Tuttavia, le persone che amano molto il Natale lavorano duramente per cercare di cambiare il punto di vista degli individui che non lo amano.

Inoltre, ci sono molte ragioni per cui ad una persona potrebbe non piacere il Natale. Questi possono variare da persona a persona: opinioni politiche anti-consumiste, solitudine, preoccupazioni finanziarie, difficoltà familiari o esperienze traumatiche avvenute nell’infanzia.

L’odio verso il Natale può essere considerato una patologia psichiatrica? Gli individui affetti dalla sindrome del Grinch, considerata recentemente da alcuni psicologici come un disturbo psichico, probabilmente, soffrono anche di alcuni disturbi di personalità, quali, ad esempio, il disturbo antisociale o la depressione.

Il Grinch è un cattivo immaginario che si siede in cima al Monte Crumpit pianificando una strategia per impedire al Natale di venire a Whoville.
Forse le sue scarpe erano troppo strette“, recita la storia del Dr. Seuss, How The Grinch Stole Christmas. “Potrebbe essere che la sua testa non è stata avvitata bene“.
Più probabilmente, il Grinch è depresso, affermerebbe Cynthia Bulik, psicologa dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill.

Quando si pensa alla depressione spesso si fa riferimento solo alla tristezza. A volte, però, le persone depresse possono diventare davvero molto irritabili e scontrose ritirandosi socialmente.
Il Grinch, infatti, sicuramente vuole essere lasciato solo. Questo perchè tale personaggio è irritato dai pensieri del divertimento rumoroso che gli abitanti di Whoville avranno la mattina di Natale, giocando con i loro nuovi giocattoli.

È difficile far parte delle feste quando tutti gli altri sembrano essere così felici, soprattutto per chi soffre di disturbi affettivi stagionali ovvero di una forma di depressione che colpisce man mano che i giorni si accorciano. Quando non abbiamo sentimenti positivi dentro di noi, stare con persone felici ed eccitate sentendosi socievoli è davvero difficile e doloroso.
Il Grinch, nello specifico, sembra soffrire di un caso quasi da manuale di disturbo antisociale della personalità con umore depresso. I suoi sintomi includono: mancata conformità alle norme sociali, tendenza a ingannare, irritabilità e aggressività.

Il Natale, quindi, può far emergere il peggio nella maggior parte delle persone. Vale la pena ricordare che i sorrisi incontrati nel periodo di Natale potrebbero in realtà essere depressi e magari avrebbero bisogno di qualcuno che allunghi una mano. Innumerevoli studi dimostrano che le persone affette da disturbi psichici traggono enorme beneficio dal trovare altre persone che capiscano il proprio vissuto.

Quando, infatti, si vive con un dolore persistente ci si può preoccupare di essere un peso per i propri cari e quindi essere riluttante a dire come ci si sente. Trovare altre persone che hanno esperienze simili fornisce un riconoscimento immediato e un livello di comprensione. Si può dire ciò che si pensa e ci si comporta in modo sincero senza paura di sconvolgere i più cari.

Alcune persone sono orgogliose di odiare il Natale essendo aperte al riguardo. In tal caso, incoraggiare gli altri a rispettare il proprio punto di vista permetterà di verificare le proprie capacità comunicative: assertive ma non aggressive.

Riferimenti bibliografici:

https://www.cbc.ca/news/technology/the-grinch-diagnosed-with-depression-1.863512

https://www.stuff.co.nz/life-style/life/109500634/hate-christmas-a-psychologis

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra Psicoterapeuta Roma

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Paura delle belle donne: Venustrafobia - Psichiatra Psicoterapeuta Roma

Paura delle belle donne: Venustrafobia

Cause, sintomi e terapia per la fobia delle donne attraenti. La maggior parte degli uomini è attratto da belle donne. Alcuni individui, però, al solo…

Continua a leggere...
sindrome del prigioniero

Sindrome della capanna: quando si fatica a ripartire

Cause, sintomi e terapia della sindrome post-quarantena. La sindrome della capanna (anche detta del prigioniero) è una condizione psicologica che si verifica dopo periodi prolungati…

Continua a leggere...
coronavirus e salute mentale

Coronavirus: in evidenza una emergenza psicologica

L’isolamento dovuto al coronavirus sta favorendo l’insorgenza di vari disturbi psichici nella popolazione sana come riportato dai dati statistici. Siamo nel bel mezzo di una pandemia…

Continua a leggere...
paura di germi e sporco

Germofobia: sintomi e cure della paura di contaminarsi

La paura dei germi e dello sporco scatenano una serie rituali compulsivi che portano paradossalmente ad un aggravamento dell’ansia e ad uno stato di trascuratezza….

Continua a leggere...