Disturbo ossessivo-compulsivo resistente ai trattamenti - Psichiatra Roma

Disturbo ossessivo-compulsivo resistente ai trattamenti: cosa fare?

Il disturbo ossessivo-compulsivo è una patologia cronica che può causare notevole disagio e disabilità. È un disturbo complesso, con una varietà di manifestazioni cliniche, alcune delle quali non riconosciute tempestivamente. Il riconoscimento ed il trattamento precoce del disturbo può migliorare l’esito delle terapie, ma c’è spesso un ritardo nella diagnosi. I soggetti con disturbo ossessivo-compulsivo, infatti, spesso si trovano immersi nei propri rituali e quando arrivano dal clinico a volte non riescono nemmeno a collocare temporalmente l’esordio della patologia. Se trattati tempestivamente i soggetti affetti da tale disturbo possono ottenere un miglioramento significativo dei sintomi ed alcuni possono raggiungere la remissione.

Le terapie

Terapie di prima linea consistono nella terapia cognitivo-comportamentale (includente esercizi di esposizione e prevenzione della risposta) in associazione o meno alla farmacoterapia (generalmente un farmaco inibitore della ricaptazione della serotonina, SSRI) (Fenske & Petersen, 2015).

I pazienti con sintomi gravi o con assenza di una risposta alle terapie di prima linea vengono definiti resistenti alle terapie. Si definisce resistente alle terapie un paziente con disturbo ossessivo-compulsivo che non risponde a due trattamenti: esposizione e prevenzione della risposta in associazione a terapia cognitiva oppure a farmacoterapia (con SSRI). Secondo le ultime stime i pazienti resistenti sarebbero il 30% del totale (McKay et al., 2015).

Ci sono una varietà di opzioni terapeutiche per il disturbo ossessivo-compulsivo resistente al trattamento: tra le quali l’utilizzo dell’antidepressivo triciclico clomipramina o l’associazione tra SSRI ed un farmaco neurolettico atipico, come Aloperidolo, Aripiprazolo e Risperidone (Fenske & Petersen, 2015).
Nei pazienti che non hanno risposto alla clomipramina orale è utile provare a somministrare la clomipramina per via endovenosa. In uno studio sono stati selezionati 30 pazienti ricoverati in ospedale con disturbo ossessivo-compulsivo resistente all’utilizzo di più farmaci anti-ossessivi. La gravità della malattia e la risposta al trattamento sono stati valutati attraverso la Yale-Brown Obsessive Compulsive Scale (Y-BOCS). La clomipramina è stata somministrata gradualmente per via endovenosa per una settimana. Tutti i pazienti hanno successivamente effettuato un trattamento con clomipramina orale alla dose massima di 225 mg al giorno.
Dai risultati è emerso un punteggio totale medio grave alla Y-BOCS al momento del ricovero (ovvero pari a 24-31). Alle dimissioni 23 pazienti (ovvero il 76,7%) hanno avuto una diminuzione della Y-BOCS ≥ al 25% e sono stati considerati rispondenti alla terapia mentre solo 18 (il 60%) mantenevano il risultato a 24 settimane. Non sono stati segnalati effetti collaterali rilevanti. La clomipramina somministrata per via endovenosa sembrerebbe pertanto più efficace rispetto alla clomipramina orale (Karameh & Khani, 2015).

Secondo recenti ricerche anche la stimolazione cerebrale profonda (DBS), ampiamente utilizzata per il trattamento dei disturbi del movimento (tra i quali il morbo di Parkinson, il tremore essenziale e la distonia) potrebbe essere utile per il trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo resistente. Tale procedura avrebbe effetti elettrici e neurochimici locali che si estenderebbero alla rete neurale modulando l’attività oscillatoria, la plasticità sinaptica e determinando potenzialmente neuroprotezione e neurogenesi (Herrington et al., 2015).
Tutto questo è possibile grazie alle ricerche di neuroimaging funzionale cerebrale le quali hanno permesso di individuare aree chiave per la comparsa di sintomi depressivi e ossessivo-compulsivi. I risultati di recenti studi sull’uso della DBS nei disturbi psichiatrici farmaco-resistenti indicano, tuttavia, che tale procedura non è del tutto priva di rischi, tra i quali sequele neurologiche. L’utilizzo della stessa va, pertanto, valutato attentamente (Antosik-Wójcińska & Święcicki, 2015).

Riferimenti bibliografici:

Antosik-Wójcińska & Święcicki (2015).The use of DBS stimulation in mental disorders – opportunities and risks. Psychiatr Pol. 49(4): 791-800.

Fenske JN & Petersen K (2015).Obsessive-Compulsive Disorder: Diagnosis and Management. Am Fam Physician. 92(10): 896-903.

Herrington TM et al (2015). Mechanisms of deep brain stimulation. J Neurophysiol. [Epub ahead of print].

Karameh WK & Khani M (2015). Intravenous Clomipramine for Treatment-Resistant Obsessive-Compulsive Disorder. Int J Neuropsychopharmacol [Epub ahead of print].

McKay D et al (2015). Efficacy of cognitive-behavioral therapy for obsessive-compulsive disorder. Psychiatry Research, article in press.

Segui la Dott.ssa Corteccioni sui Social

Ti piace il sito della dottoressa Corteccioni? Seguila subito su Facebook, Instagram e YouTube per scoprire le ultime notizie e tutti gli approfondimenti sulla salute mentale. Clicca sui pulsanti qui sotto.

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra psicoterapeuta Roma Tiziana Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

ULTIMI ARTICOLI

depressione serotonina

Da cosa è causata la Depressione Maggiore?

Non solo deficit della ricaptazione della serotonina: la Depressione Maggiore può avere altre cause, tutte da scoprire. L’ipotesi che la Depressione Maggiore sia causata da un…

Continua a leggere...
farmaco ad azione rapida

Qual è l’antidepressivo che fa effetto subito?

Gli attuali studi scientifici sono rivolti all’individuazione di farmaci antidepressivi ad azione immediata. Le ultime ricerche in ambito psichiatrico riguardano farmaci antidepressivi con effetto immediato….

Continua a leggere...
psicofarmaci nocivi

Gli psicofarmaci danneggiano il cervello? Niente di più falso

Numerosi studi scientifici dimostrano che gli psicofarmaci possono migliorare le funzioni cerebrali, preservando le alterazioni strutturali presenti in pazienti affetti da patologie neurodegenerative. E’ una…

Continua a leggere...
stigma

Come non farsi condizionare dal giudizio e dai pregiudizi degli altri

Il giudizio e i pregiudizi degli altri non devono condizionare la vita di chi soffre: è ora di dire basta! Viviamo in una società dove…

Continua a leggere...