via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

psicologia positiva

Pensare positivo aiuta a guarire

Psicologia positiva, salute mentale e benessere.

 

La depressione è una patologia estremamente comune con tassi di prevalenza in aumento. Leggere alcuni libri può ridurre efficacemente i sintomi depressivi. Molti di questi testi di auto-aiuto si basano sui principi della terapia cognitivo comportamentale (CBT) e sull’uso di interventi psicologici positivi al fine di ridurre i sintomi. Alcuni studi, infatti, suggeriscono che entrambi i metodi possono comportare una riduzione della gravità della depressione soprattutto se caratterizzata da sintomi lievi o moderati (Hanson, 2018).

Cosa si intende per psicologia positiva? Quale è la definizione? La psicologia positiva è un campo di applicazione psicologico che vede al centro il benessere dell’individuo e il miglioramento della qualità della vita. Nel Regno Unito i libri di auto-aiuto sono diventati una fonte diffusa di sostegno per le persone con disturbi psicologici. Tuttavia le attuali ricerche suggeriscono che la lettura di questi testi senza guida non sembrerebbe efficace. Potrebbe essere possibile migliorare l’efficacia dei libri di auto-aiuto associando alla lettura dei testi degli incontri personali con uno psicoterapeuta. È stato sviluppato un modello che incorpora libri di auto-aiuto alla CBT. I libri di auto-aiuto possono fornire un prezioso sostegno alle persone depresse ma è necessario un ulteriore lavoro per sviluppare modelli efficaci (Richardson et al., 2010).

La teoria della selettività socio-emotiva postula che i cambiamenti della prospettiva temporale nel corso della vita possono essere associati a obiettivi e motivazioni distinti. Le prospettive temporali e le motivazioni socio-emozionali influenzerebbero l’elaborazione delle informazioni e la memoria ovvero è più probabile che le informazioni coerenti con la motivazione vengano ricordate e valutate in modo più positivo. Una ricerca ha coinvolto un campione di 160 giovani (fascia d’età 18-25 anni) e 175 anziani (fascia d’età 60-89 anni) i quali hanno letto un opuscolo informativo sulla salute mentale, sulle prospettive temporali e sulle motivazioni relative all’età adulta (focalizzata sul futuro) o tarda età adulta (incentrata sul presente). I partecipanti hanno valutato la loro prospettiva temporale, la memoria, le opinioni soggettive sull’opuscolo, gli atteggiamenti e le intenzioni di ricerca di aiuto.
Dai risultati la prospettiva temporale non ha avuto alcun effetto sulla memoria per quanto riguardava le informazioni dell’opuscolo, le attitudini e le intenzioni di ricerca di aiuto. C’era, tuttavia, una significativa interazione tra prospettiva temporale, gradimento dell’opuscolo e memoria. Le informazioni coerenti con la motivazione hanno influenzato le percezioni degli individui focalizzati sul presente (per lo più anziani). Questa scoperta potrebbe presentare importanti implicazioni per migliorare la salute mentale degli anziani (Erickson et al., 2017).

Pensare positivo aiuta a guarire? Quali esercizi possono permettere di ottenere un pensiero ottimistico? Come si impara a pensare positivo? Alla base dello sviluppo di pensieri positivi c’è la costruzione di una relazione terapeutica con uno specialista della salute mentale attraverso la quale è possibile conoscere quali sono gli strumenti e le risorse da utilizzare per migliorare la qualità di vita e ritrovare il benessere.

Riferimenti bibliografici:

Erickson J et al (2017). The effect of time perspectives on mental health information processing and help-seeking attitudes and intentions in younger versus older adults. Aging Ment Health. 21(3): 259-271.

Hanson K (2018). Positive Psychology for Overcoming Symptoms of Depression: A Pilot Study Exploring the Efficacy of a Positive Psychology Self-Help Book versus a CBT Self-Help Book. Behav Cogn Psychother. 1-19.

Richardson R et al (2010). Self-help books for people with depression: the role of the therapeutic relationship. Behav Cogn Psychother. 38(1): 67-81.

Condividi l'articolo sui Social:

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

schizofrenia indotta da marijuana

Psicosi indotta da sostanze stupefacenti: rischi e cure delle doppie diagnosi

L’uso di cannabis e di altre sostanze stupefacenti può aumentare il rischio di soffrire di psicosi.   L’uso di sostanze stupefacenti può attivare il circuito…

Continua a leggere...
non riuscire a camminare bene

Paura di camminare e cadere: un aiuto dalla psicoterapia

Il timore di non riuscire a camminare bene e di eventuali cadute si può superare rivolgendosi ad uno psicoterapeuta.   La paura di camminare e cadere…

Continua a leggere...
difficoltà di attenzione e concentrazione nella depressione

Disturbi cognitivi: vulnerabilità o sintomi di depressione?

Le difficoltà di attenzione e concentrazione possono essere tratti tipici delle persone a rischio di depressione oppure sintomi depressivi.   I soggetti con depressione spesso manifestano…

Continua a leggere...
DOC o reale omosessualità

Paura di essere gay o lesbica: disturbo o reale omosessualità?

Il timore di essere omosessuale, non essendolo realmente, è un pensiero intrusivo, ricorrente, angosciante, frequente nel disturbo ossessivo-compulsivo.   Le ossessioni relative all’orientamento sessuale sono…

Continua a leggere...