via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

alleanza

L’ Alleanza Terapeutica in Psicoterapia Cognitiva

Per Alleanza Terapeutica si intende la base sicura fornita dal terapeuta al paziente nell’esplorazione dei ricordi del suo passato. Secondo numerose ricerche il ruolo del terapeuta è stato paragonato a quello della madre che fornisce al bambino una base sicura da cui esplorare. Nella terapia il terapeuta si impegna ad essere attento, empatico e ad incoraggiare il paziente ad esplorare il suo mondo interno.

La psicoterapia richiede che il paziente parli dei suoi ricordi, delle sue idee, dei suoi sogni, delle sue speranze, dei suoi desideri ed anche delle sue emozioni. A volte l’individuo non riesce ad esprimere emozioni in seguito alla paura inconsapevole che tali emozioni possano portare ad un risultato temuto. Questo può verificarsi, ad esempio, alla luce di un vissuto di una forte rabbia nei confronti di un genitore maltrattante da cui ci si aspetta di essere respinti ed umiliati.
La propensione a stringere relazioni emotive intime è alla base della natura degli esseri umani nella ricerca di protezione, sostegno e conforto. Tra gli esseri umani le comunicazioni più importanti sono quelle espresse a livello emotivo che ci permettono di ricostruire le nostre idee su di noi, sull’interazione con gli altri e con il mondo come informazioni riguardanti ciò che ognuno sente nei confronti dell’altro.

Il ruolo del terapeuta è quello di aiutare il paziente nell’esplorazione delle sue emozioni e dei suoi significati personali, incoraggiandolo a prendere in esame: il modo in cui intreccia e ha intrecciato relazioni con persone significative, quali sono le aspettative nei confronti delle proprie emozioni, dei propri comportamenti e nei confronti di quelli di altre persone, quali sono le tendenze inconsapevoli che lo hanno portato a scegliere una persona piuttosto che un’altra. Il terapeuta, infine, invita il paziente a parlare della relazione tra loro due, a indicare quali sono le aspettative, le percezioni, le emozioni ed i comportamenti ad essa correlati ed a prendere in considerazione la relazione con i propri genitori.

Riferimenti bibliografici:

Bowlby J. Una base sicura. Raffaello Cortina Editore. 1988

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Tricotillomania e perdita dei capelli da stress: cause, rimedi omeopatici e terapia farmacologica per non perdere o strapparsi i capelli

La perdita dei capelli o alopecia può avere un effetto significativo sulla qualità della vita delle persone che ne sono affette e sulle loro relazioni…

Continua a leggere...

Come uscire dalla solitudine affettiva: cosa fare quando causa sintomi di tristezza, ansia e depressione

La condizione di solitudine momentanea, ripetuta nella vita quotidiana, può rinforzare i meccanismi psicologici che contribuiscono allo sviluppo di una condizione di solitudine prolungata, tristezza…

Continua a leggere...

Schizofrenia, sintomi iniziali: come inizia una psicosi e si diventa schizofrenici

La schizofrenia o psicosi è una patologia caratterizzata da deliri, allucinazioni, alterazioni comportamentali, disturbi dell’eloquio, sintomi cognitivi e negativi. Esperienze tipiche possono precedere ed indicare l’emergere…

Continua a leggere...

Fame emotiva o nervosa: cause e rimedi ovvero come controllarsi davanti al cibo

Il cibo può essere utilizzato come sfogo, consolazione, compensazione di un vuoto lasciato da una difficoltà nella regolazione delle emozioni. In questi casi si può…

Continua a leggere...

Condividi con un amico