via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

alleanza

L’ Alleanza Terapeutica in Psicoterapia Cognitiva

Per Alleanza Terapeutica si intende la base sicura fornita dal terapeuta al paziente nell’esplorazione dei ricordi del suo passato. Secondo numerose ricerche il ruolo del terapeuta è stato paragonato a quello della madre che fornisce al bambino una base sicura da cui esplorare. Nella terapia il terapeuta si impegna ad essere attento, empatico e ad incoraggiare il paziente ad esplorare il suo mondo interno.

La psicoterapia richiede che il paziente parli dei suoi ricordi, delle sue idee, dei suoi sogni, delle sue speranze, dei suoi desideri ed anche delle sue emozioni. A volte l’individuo non riesce ad esprimere emozioni in seguito alla paura inconsapevole che tali emozioni possano portare ad un risultato temuto. Questo può verificarsi, ad esempio, alla luce di un vissuto di una forte rabbia nei confronti di un genitore maltrattante da cui ci si aspetta di essere respinti ed umiliati.
La propensione a stringere relazioni emotive intime è alla base della natura degli esseri umani nella ricerca di protezione, sostegno e conforto. Tra gli esseri umani le comunicazioni più importanti sono quelle espresse a livello emotivo che ci permettono di ricostruire le nostre idee su di noi, sull’interazione con gli altri e con il mondo come informazioni riguardanti ciò che ognuno sente nei confronti dell’altro.

Il ruolo del terapeuta è quello di aiutare il paziente nell’esplorazione delle sue emozioni e dei suoi significati personali, incoraggiandolo a prendere in esame: il modo in cui intreccia e ha intrecciato relazioni con persone significative, quali sono le aspettative nei confronti delle proprie emozioni, dei propri comportamenti e nei confronti di quelli di altre persone, quali sono le tendenze inconsapevoli che lo hanno portato a scegliere una persona piuttosto che un’altra. Il terapeuta, infine, invita il paziente a parlare della relazione tra loro due, a indicare quali sono le aspettative, le percezioni, le emozioni ed i comportamenti ad essa correlati ed a prendere in considerazione la relazione con i propri genitori.

Riferimenti bibliografici:

Bowlby J. Una base sicura. Raffaello Cortina Editore. 1988

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Cos’è il delirio di onnipotenza o grandezza: significato in psichiatria, sintomi associati, cosa fare, come si cura

I deliri di onnipotenza o grandezza possono essere presenti sia nel disturbo bipolare sia nei disturbi psicotici. La schizofrenia, probabilmente più debilitante rispetto al disturbo…

Continua a leggere...

Come sconfiggere la paura di guidare: i rimedi per riprendere la guida dopo un incidente, in autostrada o su strade sconosciute

La paura di guidare (o amaxofobia) è una fobia specifica riconosciuta come entità psicologica complessa. Sono molte le analogie con la fobia dell’aereo. Gli studi…

Continua a leggere...

Bullismo e cyberbullismo a scuola, conseguenze psicologiche: come si deve affrontare il fenomeno, perché intervenire precocemente, cosa devono fare gli insegnanti e i genitori

Il bullismo è un fenomeno sociale che si manifesta attraverso la messa in atto di comportamenti intenzionali di tipo violento, fisici e/o psicologici, ripetuti nel…

Continua a leggere...

Ansia, depressione, altri disturbi che possono dipendere da cambio di stagione, età, sesso e mese di nascita: è vero che malessere, stanchezza, insonnia sono più frequenti in autunno e primavera?

Ansia, depressione e disturbi del sonno sembrerebbero più frequenti al cambio di stagione. Molto comune è la presenza di malessere, stanchezza e insonnia in autunno…

Continua a leggere...

Condividi con un amico