prendersi cura

L’Importanza del sostegno psicologico al caregiver

Il caregiver spesso non chiede supporto psicologico sebbene questo sia fondamentale per mantenere lucidità mentale durante un compito estremamente faticoso.

Il caregiver fornisce supporto a chi non è più in grado di svolgere autonomamente le proprie attività quotidiane. Si tratta di una figura della quale si parla troppo poco, essenziale per la comunità, che spesso non richiede supporto psicologico per mancanza di tempo e risorse economiche.

Come si può definire un caregiver?

Un caregiver è una persona anche se spesso si dimentica di esserlo. Questa persona ha deciso o è stata incaricata dalla famiglia di fornire assistenza e supporto a chi non è in grado di svolgere autonomamente le proprie attività quotidiane. Si tratta di una figura presente in quasi tutte le famiglie ma che rimane nell’ombra, per questo non se ne parla molto.
Tutte le persone che a causa di malattie, disabilità, invecchiamento o altre condizioni che limitano le loro capacità, hanno bisogno di un caregiver. Spesso si tratta di un familiare che si assume la responsabilità di fornire cure fisiche, emotive e spesso finanziarie alla persona bisognosa.

Cosa significa fare il caregiver?

Il caregiver può occuparsi di somministrare farmaci, programmare le visite mediche, assistere chi ne ha bisogno nelle attività quotidiane (mangiare, vestirsi e spostarsi).
Il ruolo del caregiver è impegnativo anche emotivamente, oltre che fisicamente. Di solito, non parla mai di sé mettendo praticamente in pausa la sua vita personale. Tutte le conversazioni si concentrano sulla persona assistita ma è altrettanto importante condividere le proprie emozioni con qualcuno per non perdere la propria lucidità.

Perchè è importante fornire supporto psicologico a chi assiste una persona non autonoma?

Il caregiver necessita di un sostegno psicologico proprio perchè ha un forte legame affettivo con la persona che assiste. I suoi sforzi per garantire il più possibile la serenità della persona accudita spesso portano ad un profondo senso di fallimento soprattutto se la persona in questione è in una condizione di fine vita. La comprensione dell’importanza di prendersi cura di se stessi, oltre che dell’altro, diventa cruciale in questo contesto.
Lo stress derivante dal ruolo di caregiver può causare affaticamento fisico, isolamento sociale, sintomi ansiosi e depressione. Occuparsi dell’altro porta praticamente ad annullarsi. I propri bisogni vengono messi in secondo piano rispetto a quelli della persona della quale ci si prende cura.

Quali sono gli obiettivi del sostegno psicologico?

Rivolgersi ad uno psicoterapeuta esperto di questo settore permette di ritagliarsi uno spazio sicuro per esplorare le proprie paure ed elaborare la propria frustrazione. Forse non si potranno cambiare le cose ma cambiare il modo di vederle, di percepirle può fare davvero la differenza migliorando la qualità di vita sia del caregiver sia del familiare accudito.

Quali sono i vantaggi che si possono ottenere iniziando un percorso psicologico di sostegno?

Un caregiver emotivamente stabile si sente meglio riuscendo a fornire maggiore supporto all’altro.
Ricordiamoci sempre che chiedere aiuto non è mai un segno di debolezza o di fallimento del proprio ruolo. Avere un supporto psicologico non è un lusso ma una necessità. Bisogna quindi essere sostenuti perché con molta fatica si supporta un’altra persona ed il tempo in cui ci si troverà a supportare sarà lungo richiedendo concentrazione, lucidità mentale. Ricevere aiuto psicologico, pertanto, diventa un elemento essenziale per occuparsi dell’altro in modo efficace e duraturo.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra psicoterapeuta Roma Tiziana Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

psicofarmaci nocivi

Gli psicofarmaci danneggiano il cervello? Niente di più falso

Numerosi studi scientifici dimostrano che gli psicofarmaci possono migliorare le funzioni cerebrali, preservando le alterazioni strutturali presenti in pazienti affetti da patologie neurodegenerative. E’ una…

Continua a leggere...
stigma

Come non farsi condizionare dal giudizio e dai pregiudizi degli altri

Il giudizio e i pregiudizi degli altri non devono condizionare la vita di chi soffre: è ora di dire basta! Viviamo in una società dove…

Continua a leggere...
paura di non riuscire a prenotare viaggi

Cos’è la Notriphobia: cause, sintomi e cure

La Notriphobia è la paura di non aver prenotato viaggi e può essere trattata con un percorso di psicoterapia cognitivo-comportamentale. Il termine “notriphobia” deriva dalla…

Continua a leggere...
storia della psichiatria - Psichiatra Roma

La storia della Psichiatria

La storia della Psichiatria: dai riti religiosi alle terapie validate dagli studi scientifici. La psichiatria è la disciplina medica che si occupa di prevenire, diagnosticare,…

Continua a leggere...