ipocondria

Ipocondria: vecchia diagnosi, disturbo in crescita

Secondo il DSM-IV-TR l’ipocondria è un disturbo caratterizzato da un’ intensa paura di avere una malattia grave con conseguente preoccupazione eccessiva, da parte del soggetti che ne sono affetti, nei confronti di sintomi o sensazioni corporee considerate come segnali evidenti di un problema medico serio.

I soggetti ipocondriaci effettuano frequentemente visite con medici accompagnate da numerosi esami diagnostici. Nonostante i medici cerchino di dimostrare al soggetto l’assenza del problema clinico e di rassicurarlo l’individuo affetto da ipocondria non si rassicura chiedendo altri pareri.

La presenza di eventuali sintomi clinici è generalmente sproporzionata rispetto al tempo occupato dal soggetto nell’ effettuare accertamenti clinici e nel ricercare cure. Il facile accesso ai mezzi informatici causa al soggetto un ulteriore perdita di tempo utilizzato a ricercare informazioni cliniche e cure alternative.

La prevalenza del disturbo, secondo il DSM IV-TR, è tra l’1 e il 5% nella popolazione generale e tra il 2 ed il 7% nella popolazione medica.

Il recente DSM-V ha eliminato la diagnosi di ipocondria ed inserito le seguenti diagnosi: “disturbo da sintomi somatici”, caratterizzato da sintomi clinici persistenti o ricorrenti, preoccupazioni eccessive per la propria salute, eccessiva quantità di tempo utilizzata per ottenere una diagnosi e/o una cura soddisfacente ed il “disturbo da ansia di malattia” nel quale non vengono menzionati i sintomi somatici ma sono presenti solo le preoccupazioni eccessive per la propria salute accompagnate dalla ricerca di diagnosi e cura.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente revisionato l’ICD, altro manuale diagnostico e statistico delle malattie mentali. Nella decima versione, approvata nel 1990, i sintomi ipocondriaci sono descritti nel contesto di una condizione ipocondriaca primaria oppure come un sintomo secondario di altri disturbi mentali. In una recente proposta dei membri per la stesura dell’ICD-11 è stata proposta una sovrapposizione fenomenologica tra vari sintomi d’ansia (esempio paura, ipervigilanza verso sintomi corporei, sintomi di evitamento), il disturbo ossessivo-compulsivo (preoccupazioni e comportamenti ripetitivi) e la diagnosi differenziale con i disturbi somatoformi (presenza di sintomi somatici) (Van Den Heuvel et al., 2014).

Per capire le attitudini e le credenze degli ipocondriaci verso la medicina complementare ed alternativa o le loro recenti preoccupazioni in merito al proprio stato di salute 215 adulti hanno completato un questionario suddiviso in 5 parti che valutava la soddisfazione verso il proprio dottore, le preoccupazioni ipocondriache, le attitudini verso la medicina alternativa, le recenti preoccupazioni per la propria salute e i tratti della personalità. Dai risultati l’ipocondria, la disposizione verso la medicina alternativa e le recenti preoccupazioni relative al proprio stato di salute sembravano associati ad una mancata soddisfazione da parte del paziente (Fionda & Furnham, 2014).

La terapia cognitivo-comportamentale mostrerebbe efficacia nel trattamento del disturbo da sintomi somatici e in quello da ansia di malattia. In uno studio è stata valutata l’efficacia della terapia cognitiva combinata (individuale e di gruppo) per 80 pazienti con vecchia diagnosi di ipocondria.
I pazienti mostrerebbero riduzione dei punteggi clinici somatici subito dopo il trattamento e dopo un follow up di 12 mesi (Weck et al., 2015).
Un trattamento che può essere alternativo oppure associato alla psicoterapia, a seconda della gravità e della durata del disturbo, sarebbe quello farmacologico. Esistono, infatti, in commercio numerosi farmaci efficaci nella riduzione della quota d’ansia somatizzata e di eventuali dolori manifestati dal soggetto. Tra le classi farmacologiche si possono citare i farmaci antidepressivi SSRI, i triciclici e gli agonisti GABAergici.

Riferimenti bibliografici:

Fionda S & Furnham A (2014). Hypochondriacal attitudes and beliefs, attitudes towards complementary and alternative medicine and modern health worries predict patient satisfaction. JRSM Open 4;5(11):2054270414551659.

Van Den Heuvel OA et al (2014). Hypochondriasis: considerations for ICD-11.Rev Bras Psiquiatr;36 Suppl 1:21-7.

Weck F et al (2015). Effectiveness of cognitive-behavioral group therapy for patients with hypochondriasis (health anxiety). J Anxiety Disord; 30C:1-7.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra Psicoterapeuta Roma

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

examophobia

Fobia da esame: la paura delle valutazioni

La paura delle prove accademiche, che insorge durante l’infanzia, spesso non viene riconosciuta richiedendo l’intervento di uno specialista. La fobia da esame o examophobia è…

Continua a leggere...
aiuto psicologico

Differenze tra counselor, coach, psicologo, psichiatra

Quale figura professionale scegliere se si ha bisogno di un aiuto psicologico? Il sostegno psicologico è affidato a diverse figure professionali (il counselor, il coach,…

Continua a leggere...
come curare comportamenti impulsivi e aggressivi

Come curare impulsività e aggressività se si è adulti o in via di sviluppo

L’impulsività e l’aggressività, presenti in vari disturbi tra i quali i disturbi di personalità, possono essere curati efficacemente con l’utilizzo di farmaci e psicoterapia. L’impulsività…

Continua a leggere...
comportamenti adolescenza

Conseguenze psicologiche del distanziamento sociale tra gli adolescenti

Dalla blackout challenge alle campagne di prevenzione dell’infezione da covid-19 su Tik Tok e altri social network.  L’utilizzo massivo dei social media tra gli adolescenti,…

Continua a leggere...