fattori rischio episodio depressivo

Cosa può causare la depressione: i fattori di rischio più comuni

La Depressione Maggiore può essere causata da specifici eventi e disfunzioni cognitive i quali ne favoriscono l’esordio ed i processi di ricaduta.

La Depressione Maggiore è una patologia invalidante che tende a riacutizzarsi rappresentando la seconda causa di disabilità nel mondo dopo la cardiopatia ischemica. Secondo recenti ricerche a breve ne potrebbe diventare la prima causa. 

Non si tratta di una patologia genetica ovvero può essere presente una predisposizione ma il quadro clinico è influenzato dall’ambiente. Esistono specifici fattori ed eventi comuni in chi soffre di questa patologia, spesso trascurati. I fattori di rischio per Depressione Maggiore, tuttavia, possono essere identificati per prevenirne l’insorgenza e trattarla prontamente.

Quali sono i fattori di rischio per l’insorgenza di un episodio depressivo maggiore e delle successive ricadute?

I pensieri disfunzionali sembrerebbero avere un ruolo chiave in chi è predisposto a soffrire di questa patologia in quanto emergerebbe una difficoltà ad utilizzare il proprio pensiero per regolare le emozioni. Altri fattori rischio citati dalle ricerche includono eventi e circostanze della vita stressanti, la presenza di depressione nei propri genitori, una difficoltà precoce nelle relazioni interpersonali (Hammen, 2018).

Molti pazienti a rischio di ricaduta depressiva riferiscono precedenti maltrattamenti infantili e/o disturbi del neurosviluppo. La presenza di sintomi residui post-trattamento ed una storia di recidive, inoltre, sono emersi come forti indicatori prognostici del rischio di ricaduta depressiva. Questi indicatori potrebbero essere utilizzati al fine di consigliare a determinati pazienti un trattamento continuativo o profilattico. 

Come trattare i pazienti a rischio di ricaduta per la Depressione Maggiore?

Interventi psicosociali sulle conseguenze del maltrattamento infantile, ad esempio, associati alla farmacoterapia ed a specifiche terapie psicologiche possono essere utili per affrontare sintomi depressivi residui. 

Cosa succede al cervello quando una persona va in depressione?

La ricerca futura è incentrata sulla comprensione dei percorsi che collegano il maltrattamento infantile e le disfunzioni cognitive all’alterazione dei percorsi neocorticali e limbici che elaborano le informazioni affettive. La conoscenza di questi meccanismi permetterebbe di prevenire il ricorso alla terapia farmacologica e alla psicoterapia facilitando il controllo cognitivo delle emozioni (Buckman et al., 2018).

Riferimenti bibliografici:

Buckman JEJ et al (2018). Risk factors for relapse and recurrence of depression in adults and how they operate: A four-phase systematic review and meta-synthesis. Clin Psychol Rev. 64:13-38.

Hammen C (2018). Risk Factors for Depression: An Autobiographical Review. Annu Rev Clin Psychol. 14:1-28.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra psicoterapeuta Roma Tiziana Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

stigma

Come non farsi condizionare dal giudizio e dai pregiudizi degli altri

Il giudizio e i pregiudizi degli altri non devono condizionare la vita di chi soffre: è ora di dire basta! Viviamo in una società dove…

Continua a leggere...
paura di non riuscire a prenotare viaggi

Cos’è la Notriphobia: cause, sintomi e cure

La Notriphobia è la paura di non aver prenotato viaggi e può essere trattata con un percorso di psicoterapia cognitivo-comportamentale. Il termine “notriphobia” deriva dalla…

Continua a leggere...
storia della psichiatria - Psichiatra Roma

La storia della Psichiatria

La storia della Psichiatria: dai riti religiosi alle terapie validate dagli studi scientifici. La psichiatria è la disciplina medica che si occupa di prevenire, diagnosticare,…

Continua a leggere...
Le promettenti ricerche sull’uso della Ketamina nella Depressione Maggiore Resistente - Psichiatra Roma

Uso della Ketamina nella Depressione Maggiore Resistente

Le promettenti ricerche sull’uso della Ketamina nella Depressione Maggiore Resistente. Negli ultimi due decenni, l’agente anestetico dissociativo ketamina, un antagonista non competitivo del recettore N-metil-D-aspartato…

Continua a leggere...