Burnout materno: mamme stanche, stressate, nervose, esaurite

Burnout materno: mamme stanche, stressate, nervose, esaurite

L’esaurimento nervoso delle madri di famiglia si può combattere grazie all’aiuto di uno specialista.

 

Le mamme stanche, stressate, nervose ed esaurite possono soffrire di un disturbo psicopatologico chiamato burnout materno il quale ha sintomi specifici e cure. La sindrome da burnout è caratterizzata da perdita di entusiasmo, scarsa energia, irritabilità, riduzione del funzionamento nelle attività quotidiane. È definito, quindi, da molti come uno stato di totale esaurimento: fisico, psicologico e spirituale. Questa condizione psicopatologica, purtroppo, non viene riconosciuta ed accettata immediatamente dalle neomamme.

Ammettere di essere in burnout, però, non significa aver fallito. Al contrario, sono le madri molto accudenti ad essere le più inclini al burnout. E’ possibile avere una depressione post-partum dopo 2 anni? La risposta è no ma si può sempre soffrire di burnout. Le madri hanno spesso idee irrealistiche sulla maternità. Le aspettative non realistiche spesso assumono la forma di dichiarazioni implicando convinzioni interiorizzate su ciò che una buona mamma dovrebbe essere in grado di fare per i propri figli. Eccone alcuni esempi:

  •  “dovrebbe anticipare tutte le esigenze della sua famiglia“;
  •  “dovrebbe essere in grado di prendersi cura di tutto“;
  •  “non dovrebbe avere tempo libero, il quale è sinonimo di pigrizia“;
  •  “non dovrebbe mai arrabbiarsi“.

Il burnout è anche una condizione psicopatologica molto comune tra gli operatori sanitari. Tuttavia, esistono poche ricerche sul burnout presente tra gli infermieri che accudiscono bambini. Da una ricerca sono stati identificati i fattori correlati al burnout tra le infermiere con bambini di età inferiore ai 3 anni. In totale sono state reclutate nella ricerca 1681 infermiere con bambini che lavoravano in nove ospedali della prefettura di Kanagawa, in Giappone. Nel giugno 2014 hanno risposto al questionario somministrato 1173 infermiere. Le infermiere con bambini di età inferiore ai 3 anni che hanno fornito risposte valide erano 158.

Tra i fattori di rischio di burnout presenti nelle infermiere con bambini di età inferiore a 3 anni si possono citare: irritazione per non essere in grado di occuparsi dei propri bisogni personali, lo svologimento di oltre 4-6 ore di lavoro straordinario alla settimana, scarso senso di soddisfazione sul lavoro, utilizzo di una struttura di assistenza all’infanzia al di fuori del posto di lavoro, insoddisfazione per il proprio stipendio, malessere come genitore e senso di supporto inadeguato (Takayama et al., 2017).

Lo scopo di un altro studio, inoltre, era quello di esaminare gli effetti di: stress genitoriale, supporto sociale, capacità di adattamento sul burnout di madri che si occupavano di bambini con paralisi cerebrale.

I partecipanti a questo studio trasversale e descrittivo erano 185 madri le quali hanno completato un questionario strutturato auto-riferito.  Lo stress genitoriale e la scarsa capacità di adattamento erano forti predittori di esaurimento tra madri di bambini con paralisi cerebrale. Il supporto sociale, però, non era un fattore predittivo di esaurimento. Un rischio elevato di burnout era associato a livelli più elevati di stress dei genitori ed a livelli più bassi di supporto sociale e adattamento. Le madri di bambini con paralisi cerebrale, quindi, sono molto vulnerabili al burnout (Seo et al., 2017).

Come combattere lo stress da figli piccoli? Quali sono le possibili cure se ci si sente una mamma stanca, stressata, nervosa ed esaurita? E’ importante non sottovalutare i sintomi di burnout ed affidarsi quanto prima ad uno specialista per capire come iniziare il percorso di terapia più adeguato alla propria condizione clinica.  

Riferimenti bibliografici:

Seo JY et al (2017). [Factors Influencing Burnout among Mothers of Children with Cerebral Palsy].[Article in Korean]. J Korean Acad Nurs. 47(2): 233-241.

Takayama Y et al (2017). Factors related to the burnout of Japanese female nurses with children under 3 years old. Jpn J Nurs Sci.14(3): 240-254. 

http://www.safemotherhood.org/motheringBurnout.html

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

News

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra Psicoterapeuta Roma

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

conseguenze evitamento sociale

Prognosi di chi soffre di disturbo evitante di personalità

Nel disturbo evitante di personalità una maggiore attivazione dell’amigdala può essere regolata dalle terapie psicologiche e/o farmacologiche. ll disturbo di personalità evitante è caratterizzato da…

Continua a leggere...
ragazzi diabetici

Ansia e depressione nei ragazzi con diabete di tipo 1

I giovani affetti da diabete mellito sono a rischio di soffrire di sintomi ansiosi, depressivi più intensi rispetto ad adulti e anziani. Il diabete di…

Continua a leggere...
Paura delle belle donne: Venustrafobia - Psichiatra Psicoterapeuta Roma

Paura delle belle donne: Venustrafobia

Cause, sintomi e terapia per la fobia delle donne attraenti. La maggior parte degli uomini è attratto da belle donne. Alcuni individui, però, al solo…

Continua a leggere...
sindrome del prigioniero

Sindrome della capanna: quando si fatica a ripartire

Cause, sintomi e terapia della sindrome post-quarantena. La sindrome della capanna (anche detta del prigioniero) è una condizione psicologica che si verifica dopo periodi prolungati…

Continua a leggere...