via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

foto rst 5

Tolleranza del dolore: nessuna differenza tra uomini e donne

Recentemente è stato citato da numerose riviste online italiane ed internazionali l’articolo scientifico pubblicato da The Journal of Pain nel quale si evidenzia l’assoluta uguaglianza tra uomini e donne nella tolleranza del dolore cronico.
Secondo le precedenti ricerche scientifiche, però, gli uomini e le donne sembrerebbero diversamente sensibili al dolore associato alle malattie. I farmaci, perciò, potrebbero risultare variabilmente efficaci. In realtà quello che differenzierebbe ogni individuo, uomo o donna, non sarebbe una diversa capacità di sopportare il dolore quanto, invece, la resilienza, cioè la capacità di un individuo di superare gli eventi sfavorevoli, come la presenza di dolore cronico.

Carmen Ramírez-Maestre e Rosa Esteve, ricercatrici dell’Università di Malaga (Spagna), hanno valutato attraverso uno studio clinico che le differenze tra i due sessi nella tolleranza del dolore cronico sarebbero minime. Sono state valutate, infatti, 400 persone (190 uomini e 210 donne) affette da dolore cronico alla colonna vertebrale e trattati ambulatorialmente in strutture sanitarie di base. Dallo studio è emerso che in termini di tolleranza al dolore non c’era differenza fra i due generi, fatta eccezione per la paura del dolore, che solamente nel campione degli uomini era associata alla percezione di un dolore più intenso. La paura del dolore sembrava associata, inoltre, ad un maggior livello di ansia e depressione.

Secondo la ricercatrice Carmen Ramírez-Maestre “le persone più resilienti tendono ad accettare il dolore, comprendono la cronicità del loro disturbo e smettono di cercare di far sparire il dolore ad ogni costo per focalizzare la loro energia nel miglioramento della loro qualità di vita, nonostante il dolore. I pazienti che riescono ad accettare il loro dolore sentono meno dolore, sono più attivi nella vità quotidiana ed hanno un umore migliore”.

Riferimenti bibliografici:

Carmen Ramírez-Maestre, Rosa Esteve. The Role of Sex/Gender in the Experience of Pain: Resilience, Fear, and Acceptance as Central Variables in the Adjustment of Men and Women With Chronic Pain. The Journal of Pain, 2014; 15 (6): 608 DOI: 10.1016/j.jpain.2014.02.006

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Tricotillomania e perdita dei capelli da stress: cause, rimedi omeopatici e terapia farmacologica per non perdere o strapparsi i capelli

La perdita dei capelli o alopecia può avere un effetto significativo sulla qualità della vita delle persone che ne sono affette e sulle loro relazioni…

Continua a leggere...

Come uscire dalla solitudine affettiva: cosa fare quando causa sintomi di tristezza, ansia e depressione

La condizione di solitudine momentanea, ripetuta nella vita quotidiana, può rinforzare i meccanismi psicologici che contribuiscono allo sviluppo di una condizione di solitudine prolungata, tristezza…

Continua a leggere...

Schizofrenia, sintomi iniziali: come inizia una psicosi e si diventa schizofrenici

La schizofrenia o psicosi è una patologia caratterizzata da deliri, allucinazioni, alterazioni comportamentali, disturbi dell’eloquio, sintomi cognitivi e negativi. Esperienze tipiche possono precedere ed indicare l’emergere…

Continua a leggere...

Fame emotiva o nervosa: cause e rimedi ovvero come controllarsi davanti al cibo

Il cibo può essere utilizzato come sfogo, consolazione, compensazione di un vuoto lasciato da una difficoltà nella regolazione delle emozioni. In questi casi si può…

Continua a leggere...

Condividi con un amico