via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

passività e depressione

Fallimento: conseguenze psicologiche e modificazioni neuronali

Cosa significa essere o sentirsi un fallito, quando comporta l’insorgenza di passività e depressione?

 

I ripetuti fallimenti spesso comportano delle modificazioni neurologiche con insorgenza di passività e depressione.

Cosa significa essere o sentirsi un fallito e quali sono le conseguenze psicologiche di ripetuti fallimenti? Quando un comportamento fallisce ripetutamente nel raggiungere il suo obiettivo i mammiferi spesso rinunciano diventando passivi. Ciò può essere strategico per preservare l’energia, riorganizzarsi tra un tentativo e l’altro oppure può diventare un comportamento disfunzionale. Nella depressione, infatti, la passività può rappresentare la strategia principale messa in atto durate la giornata.

Non si sa come il cervello identifichi i fallimenti mediando questo cambiamento del comportamento. Nel nuoto larvale del pesce zebra, nella realtà virtuale, il feedback visivo può essere trattenuto in modo che i tentativi di nuoto non riescano a determinare lo scenario visivo previsto. Dopo decine di secondi di tale inutilità del comportamento, infatti, gli animali generalmente diventano passivi. In queste modificazioni comportamentali genererebbero un ruolo chiave gli astrociti, cellule cerebrali di sostegno, fondamentali per il mantenimento dell’omeostasi cerebrale.

I neuroni noradrenergici risponderebbero specificamente ai tentativi di nuoto falliti e agli astrociti radiali accumulando calcio in modo proporzionale ai tentativi falliti. I neuroni noradrenergici, pertanto, attiverebbero progressivamente gli astrociti radiali del tronco cerebrale i quali determinerebbero l’interruzione del nuoto. Gli astrociti radiali, quindi, sono accumulatori di prove di azioni attuali inefficaci e possono determinare cambiamenti comportamentali (Mu et al., 2019).

Durante il comportamento locomotorio, infine, un numero maggiore di astrociti mostra aumenti di calcio che sono guidati dall’attività neuronale e correlano con i cambiamenti globali del flusso sanguigno. Diversi studi hanno contribuito alla nostra comprensione degli astrociti. Fino a poco tempo fa, però, nessuno ha esaminato la loro funzione in vivo. La marcatura selettiva degli astrociti con proteine ​​fluorescenti con il ruolo di indicatore del calcio ha consentito lo studio della loro funzione in vivo (Hoogland & Kuhn, 2010).

Riferimenti bibliografici:

Hoogland TM & Kuhn B (2010). Recent developments in the understanding of astrocyte function in the cerebellum in vivo. Cerebellum. 9(3): 264-71. 

Mu Y et al (2019). Glia Accumulate Evidence that Actions Are Futile and Suppress Unsuccessful Behavior. Cell. [Epub ahead of print].

Condividi l'articolo sui Social:

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra Roma

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

musica nostalgica

Cos’è la nostalgia: quando è patologica e bisogna curarla

Significato in psicologia, utilizzo della musica per evocarla, strategie terapeutiche.   La nostalgia è un’emozione comunemente associata a ricordi personali e socialmente rilevanti. Quando non…

Continua a leggere...
incontinenza notturna

Enuresi notturna: cause e conseguenze psicologiche

Un disturbo che colpisce bambini ed adulti condizionando la qualità della vita familiare.   L‘enuresi notturna è un disturbo caratterizzato dalla perdita involontaria di urine durante…

Continua a leggere...
cannabis legale, panico e fobia sociale

Cannabis legale per curare attacchi di panico e ansia sociale

Gli effetti psicotropi e neuroprotettivi della cannabis light.   La cannabis light è legale perché contiene una concentrazione di tetraidrocannabinolo (THC) inferiore allo 0,5-0,6%. Tale…

Continua a leggere...
ansia e odio per il Natale

La sindrome del Grinch: ansia e odio per il Natale

Quando odiare il Natale diventa una patologia?   Natale è una festività molto amata in molte parti del mondo. Tutti, infatti, si aspettano di dare,…

Continua a leggere...