via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

bulimia2

Efficacia della Psicoterapia Cognitiva nella Bulimia Nervosa

La Bulimia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare che porta l’individuo ad abbuffarsi in modo ricorrente, avendo la sensazione di perdere il controllo di quale e di quanto cibo stia mangiando. Gli individui con tale disturbo sono polarizzati sulla forma, sul peso corporeo e generalmente utilizzano il vomito autoindotto per mantenere un introito calorico stabile con un peso nella norma. Altre condotte compensatorie del peso possono essere l’esercizio fisico o l’utilizzo di diuretici, lassativi, enteroclismi.
In alcuni soggetti la quantità di cibo ingerita durante l’abbuffata è minima ma rimane la sensazione di perdere il controllo seguita dal senso di colpa per aver effettuato l’abbuffata. In altri individui vengono riferite solo abbuffate o solo episodi di vomito autoindotto. Queste forme vengono generalmente definite forme atipiche di bulimia o disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati.

I fattori di rischio per lo sviluppo di questo disturbo variano da persona a persona: sono stati riconosciuti fattori genetici combinati a fattori ambientali, sociali e culturali. Il trattamento va effettuato al più presto in quanto le abbuffate ricorrenti, gli episodi di vomito ed i farmaci assunti per controllare il peso possono portare a squilibri elettrolitici ed a patologie internistiche.

Numerose ricerche hanno dimostrato l’efficacia della psicoterapia cognitiva per il trattamento della bulimia. Le abbuffate ricorrenti, infatti, possono essere considerate meccanismi non efficaci utilizzati per regolare le emozioni.
In un recente studio 78 donne adulte (55 con bulimia nervosa tipica e 23 con bulimia atipica) hanno effettuato una psicoterapia cognitivo-comportamentale individuale di durata media pari a 19 sedute. Alla fine del trattamento cognitivo il 50% delle pazienti hanno ottenuto una remissione completa del disturbo con significativi miglioramenti del tono dell’umore, del comportamento alimentare e delle abitudini di vita (rilevati tramite visite cliniche e test specifici) (Waller et al., 2014).

Riferimenti bibliografici:

Waller G. et al (2014). Cognitive-behavioral therapy for bulimia nervosa and atypical bulimic nervosa: effectiveness in clinical settings. Int J Eat Disord, 47(1):13-7

Condividi l'articolo sui Social:

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

jet lag

Sindrome da ritmo sonno-veglia irregolare: diagnosi e cura

I disturbi del ritmo circadiano del sonno vanno trattati precocemente perché peggiorano le prestazioni quotidiane e la qualità della vita.   I ritmi circadiani endogeni sono…

Continua a leggere...
fattori favorenti stress lavorativo

Cause di stress lavoro correlato: indicatori di eccessivo carico psicologico

Quali sono i fattori lavorativi che possono contribuire all’insorgenza di disturbi d’ansia e depressione?   I tassi di depressione sono aumentati, così come i tassi di…

Continua a leggere...
riduzione e sospensione benzodiazepine anziani

Somministrazione dei farmaci calmanti nell’anziano: perché è utile ridurli

La terapia dei disturbi d’ansia e della depressione nell’anziano prevede l’uso eccessivo o inappropriato di rimedi farmacologici quali antidepressivi e gocce tranquillanti.   Nella popolazione…

Continua a leggere...

Disturbo bipolare: una cura definitiva possibile grazie allo studio del DNA?

I farmaci presenti in commercio per la cura del disturbo bipolare possono determinare modificazioni genetiche importanti per la ricerca di terapie personalizzate.   Il disturbo…

Continua a leggere...