via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

rischio ansia

Fattori di rischio di Disturbo di Panico e Disturbo d’Ansia Generalizzato

Un recente lavoro pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Affective Disorders evidenzia quali sono i fattori di rischio per l’esordio di disturbi d’ansia molto comuni come il disturbo di panico ed il disturbo d’ansia generalizzato. Dagli autori viene condotta una revisione sistematica degli studi di coorte effettuati su tale argomento nella popolazione generale. I 21 studi selezionati coinvolgono 163366 persone osservate in media per 5 anni. Dai risultati del lavoro fattori sociodemografici, psicosociali, problemi di salute fisica e mentale sembrerebbero avere un ruolo determinante nello sviluppo di questi disturbi.

L’esordio del disturbo di panico sembrerebbe associato a: fattori sociodemografici (aumento dell’ età, genere femminile, scarse risorse economiche), fattori psicosociali (fumo, uso eccessivo di alcol), problemi di salute fisica e mentale (sindrome di Ehlers-Danlos, storia familiare di disturbi mentali, altri disturbi mentali nella storia personale). L’insorgenza del disturbo d’ansia generalizzato sembrerebbe favorita da fattori sociodemografici quali aumento dell’età, scarse risorse socioeconomiche, razza nera, divorzio o vedovanza; fattori psicosociali come eventi stressanti di vita in infanzia ed adolescenza, personalità premorbosa; problemi di salute fisica e mentale nella storia familiare e personale accompagnati da precedenti trattamenti farmacologici (Moreno-Peral et al., 2014).

Studi recenti effettuati su bambini suggeriscono, inoltre, un deficit nell’abilità a riconoscere correttamente espressioni facciali che esprimono emozioni negative nei figli di individui con disturbo di panico. Questo non significa che ci sia una trasmissione genetica diretta del disturbo ma piuttosto una vulnerabilità genetica allo sviluppo del disturbo d’ansia alla quale vanno ad associarsi fattori ambientali (Bilodeau et al., 2014). La conoscenza approfondita di tali fattori di rischio potrebbe essere utile per sviluppare interventi al fine di prevenire lo sviluppo dei disturbi d’ansia.

Riferimenti bibliografici:

Bilodeau C. et al (2014). Impaired Facial Affect Perception in Unaffected Children at Familial Risk for Panic Disorder. Child Psychiatry Hum Dev. Epub ahead of print.

Moreno-Peral P. et al (2014). Risk factors for the onset of panic and generalised anxiety disorders in the general adult population: a systematic review of cohort studies. J Affect Disord 168:337-48.

 

Condividi l'articolo sui Social:

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

schizofrenia indotta da marijuana

Psicosi indotta da sostanze stupefacenti: rischi e cure delle doppie diagnosi

L’uso di cannabis e di altre sostanze stupefacenti può aumentare il rischio di soffrire di psicosi.   L’uso di sostanze stupefacenti può attivare il circuito…

Continua a leggere...
non riuscire a camminare bene

Paura di camminare e cadere: un aiuto dalla psicoterapia

Il timore di non riuscire a camminare bene e di eventuali cadute si può superare rivolgendosi ad uno psicoterapeuta.   La paura di camminare e cadere…

Continua a leggere...
difficoltà di attenzione e concentrazione nella depressione

Disturbi cognitivi: vulnerabilità o sintomi di depressione?

Le difficoltà di attenzione e concentrazione possono essere tratti tipici delle persone a rischio di depressione oppure sintomi depressivi.   I soggetti con depressione spesso manifestano…

Continua a leggere...
DOC o reale omosessualità

Paura di essere gay o lesbica: disturbo o reale omosessualità?

Il timore di essere omosessuale, non essendolo realmente, è un pensiero intrusivo, ricorrente, angosciante, frequente nel disturbo ossessivo-compulsivo.   Le ossessioni relative all’orientamento sessuale sono…

Continua a leggere...