via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

disfunzioni sessuali

Depressione Maggiore, antidepressivi e disfunzioni sessuali

La Depressione Maggiore è il disturbo psichiatrico più diffuso a livello mondiale (16,6%) ed è spesso associata a vari sintomi. Le disfunzioni sessuali rappresentano un problema con tassi che vanno dal 40 al 45% nelle donne adulte e dal 20 al 30% negli uomini adulti. E’ stata dimostrata in letteratura una stretta relazione tra Depressione Maggiore e disfunzioni sessuali. Molti antidepressivi elencano la disfunzione sessuale come possibile effetto collaterale (Pereira et al., 2014).

Le disfunzioni sessuali sono disturbi comuni e preoccupanti per gli individui depressi. Spesso i pazienti non le riferiscono e spetta allo specialista indagarne la presenza in quanto la risoluzione rappresenta una parte importante dell’esito della terapia e dell’aderenza ai trattamenti farmacologici. Le disfunzioni sessuali possono essere causate sia dalla presenza di sintomi depressivi sia dai farmaci antidepressivi. Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) rappresentano una classe di antidepressivi comunemente associata alle disfunzioni sessuali che, pertanto, a volte persiste anche dopo il miglioramento sintomatico. Studi genetici hanno identificato associazioni tra disfunzioni sessuali ed alterazioni farmacocinetiche degli SSRI oppure alterazioni dei sistemi neurotrasmettitoriali nei soggetti depressi in trattamento con SSRI. La natura delle disfunzioni sessuali sembrerebbe, perciò, multifattoriale e non dipendente esclusivamente dal trattamento farmacologico (Stevenson et al., 2014).

Le evidenze cliniche suggeriscono che gli antidepressivi possano essere suddivisi in due categorie: antidepressivi ad alto rischio di disfunzioni sessuali (SSRI, inibitori della ricaptazione di serotonina e norepinefrina o SNRI, antidepressivi triciclici, inibitori della monoaminossidasi) ed antidepressivi a basso rischio di disfunzioni sessuali (Agomelatina, Bupropione, Moclobemide e Reboxetina). All’interno della categoria degli antidepressivi ad alto rischio, inoltre, ci sarebbero farmaci con minore impatto sulla funzionalità sessuale rispetto ad altri. La presenza di una disfunzione sessuale indotta da antidepressivi comunque sembrerebbe dose-dipendente e sarebbero molto rilevanti anche i fattori di vulnerabilità del paziente. Ci sarebbero differenze significative nel tipo di disfunzione tra uomini e donne (Keks et al., 2014).

I sintomi depressivi e l’uso di antidepressivi sembrerebbero avere un’associazione bidirezionale nel mantenimento delle disfunzioni sessuali. Quando viene effettuata la valutazione clinica psichiatrica la funzione sessuale di base dovrebbe essere sempre indagata. Il funzionamento sessuale, infatti, è strettamente connesso con la qualità della vita del paziente. Se si sviluppano effetti collaterali di tipo sessuale con un trattamento antidepressivo deve essere generalmente attesa la remissione clinica per poi diminuire la dose di farmaci oppure passare ad un farmaco alternativo oppure aggiungere un altro farmaco associato ad un minor rischio di compromissione della funzionalità sessuale.

Bupropione, Mirtazapina e Buspirone sono stati studiati come farmaci da aggiungere da soli o in associazione nel trattamento della Depressione Maggiore associata a disfunzioni sessuali. Studi futuri potrebbero consentire genotipizzazione personale per avere un trattamento individualizzato per gestire le disfunzioni sessuali nei pazienti affetti da Depressione Maggiore (Clayton et al., 2014). Una revisione sistematica della letteratura ha esaminato gli studi relativi all’impatto del Bupropione sulla funzionalità sessuale in soggetti depressi. Dalla maggior parte degli studi emergerebbe che il Bupropione sarebbe non soltanto efficace come gli altri antidepressivi ma avrebbe anche un minore impatto sul funzionamento sessuale. Alcuni altri studi hanno individuato come il Bupropione possa anche migliorare la funzione sessuale in alcuni individui. Il Bupropione quindi potrebbe essere un farmaco alternativo nel trattamento della Depressione Maggiore che non includa effetti collaterali di tipo sessuale. Tuttavia sarebbero necessarie ulteriori ricerche (Pereira et al., 2014).

Riferimenti bibliografici:

Clayton AH et al (2014). Sexual dysfunction associated with major depressive disorder and antidepressant treatment. Expert Opin Drug Saf. 13(10): 1361-74.

Keks NA et al (2014). Management of antidepressant-induced sexual dysfunction. Australas Psychiatry. 22(6): 525-8.

Pereira VM (2014). Bupropion in the depression-related sexual dysfunction: a systematic review. CNS Neurol Disord Drug Targets. 13(6): 1079-88.

Stevenson JM (2014). Genetic determinants of selective serotonin reuptake inhibitor related sexual dysfunction. Pharmacogenomics. 15(4): 1791-1806.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Binge watching, quando le serie TV creano dipendenza: come uscirne con la terapia adeguata

Nel mondo sempre più digitalizzato gli individui sono molto motivati a guardare serie televisive online. Grazie a piattaforme streaming quali Netflix si inizia dopo cena…

Continua a leggere...

Logorrea patologica, cause psicologiche e rimedi: perché una persona è logorroica, come smettere di essere logorroici

La logorrea patologica è un’alterazione del modo di parlare caratterizzata da un’eccessiva loquacità e può essere presente in vari disturbi psichiatrici e neurologici. Qual è la psicologia…

Continua a leggere...

Significato in psicologia di rabbia e odio: perché si tende ad odiare l’altro invece di collaborare serenamente

La rabbia e l’odio sono sentimenti molto diffusi nelle comunità. Ormai, infatti, sembrerebbero diventati fattori chiave nella cooperazione con gli altri. Quando si scelgono gli…

Continua a leggere...

Stress, ansia, depressione da rientro dalle vacanze: come affrontare il primo giorno di lavoro dopo le ferie

Stress, ansia e sintomi depressivi da rientro al lavoro dalle ferie sono manifestazioni molto comuni, spesso sottovalutati e tollerati, con conseguenti ripercussioni sulle attività quotidiane. La…

Continua a leggere...

Condividi con un amico