via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

fobia_sociale

Cos’è la fobia sociale

Per fobia si intende una paura intensa, inadeguata e sproporzionata rispetto allo stimolo che l’ha provocata, la quale spinge spesso all’evitamento della situazione scatenante (oggetto fobico). La situazione scatenante non è considerata abitualmente pericolosa dalla popolazione generale. Le fobie possono essere specifiche, se si manifestano in relazione a specifici oggetti o situazioni. La fobia viene detta sociale quando, invece, la condizione temuta è l’esposizione ad una situazione sociale.

Secondo gli studi epidemiologici degli ultimi anni (come il progetto ESEMeD-VMH) la prevalenza della fobia sociale in Italia nel corso della vita è pari al 2,1%. L’esordio avviene tipicamente in adolescenza, ma vengono descritti numerosi casi anche in età infantile. La fobia sociale è caratterizzata da paura marcata e persistente di una o più situazioni sociali o prestazionali nelle quali la persona è esposta a persone non familiari o al possibile giudizio degli altri. La paura viene riconosciuta di solito come eccessiva o irragionevole. Tale caratteristica però può mancare nei bambini. Il timore più grande è quello di apparire ansioso agli altri e/o agire in modo imbarazzante. Generalmente nei bambini non si manifesta con persone familiari ma con i coetanei e nell’interazione con gli adulti. L’esposizione alla situazione temuta provoca ansia che può assumere le caratteristiche di un attacco di panico. Le situazioni sociali o prestazionali temute sono evitate o sopportate con intensa ansia o disagio. L’ansia, il disagio e le condotte di evitamento possono interferire con il funzionamento sociale, scolastico o lavorativo. Se la paura include la maggior parte delle situazioni sociali bisogna prendere in considerazione la diagnosi addizionale di Disturbo Evitante di Personalità nel quale l’individuo evita di entrare in relazione con gli altri per sentimenti di inadeguatezza ed ipersensibilità al giudizio negativo.
La marcata paura che caratterizza la fobia sociale è un sintomo che rappresenta un segnale di pericolo. Per il trattamento dei casi più lievi, quindi, è sufficiente il supporto, la comprensione dell’evento scatenante a cui si attribuisce tale significato minaccioso e/o la modifica dei fattori esterni che ne favoriscono il mantenimento. Spesso è accompagnata da depressione. In questi casi vanno trattate entrambe le condizioni.
Tra i trattamenti psicologici la terapia cognitivo-comportamentale sembrerebbe essere efficace. Tra i farmaci più utilizzati si possono citare SSRI, SNRI, Triciclici e Benzodiazepine.

Condividi l'articolo sui Social:

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

jet lag

Sindrome da ritmo sonno-veglia irregolare: diagnosi e cura

I disturbi del ritmo circadiano del sonno vanno trattati precocemente perché peggiorano le prestazioni quotidiane e la qualità della vita.   I ritmi circadiani endogeni sono…

Continua a leggere...
fattori favorenti stress lavorativo

Cause di stress lavoro correlato: indicatori di eccessivo carico psicologico

Quali sono i fattori lavorativi che possono contribuire all’insorgenza di disturbi d’ansia e depressione?   I tassi di depressione sono aumentati, così come i tassi di…

Continua a leggere...
riduzione e sospensione benzodiazepine anziani

Somministrazione dei farmaci calmanti nell’anziano: perché è utile ridurli

La terapia dei disturbi d’ansia e della depressione nell’anziano prevede l’uso eccessivo o inappropriato di rimedi farmacologici quali antidepressivi e gocce tranquillanti.   Nella popolazione…

Continua a leggere...

Disturbo bipolare: una cura definitiva possibile grazie allo studio del DNA?

I farmaci presenti in commercio per la cura del disturbo bipolare possono determinare modificazioni genetiche importanti per la ricerca di terapie personalizzate.   Il disturbo…

Continua a leggere...