via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

ludopatia auto-terapie

Ludopatia: come uscirne da soli o con l’aiuto di un terapeuta

Quali sono le possibili auto-terapie per il gioco d’azzardo patologico e quando serve il supporto di uno specialista? 

 

Il gioco d’azzardo patologico (o ludopatia) rappresenta un problema sociale oltre che psicologico. E’ possibile prevenire la ludopatia? Le campagne di prevenzione nazionale hanno l’obiettivo di ridurre il fenomeno ed allontanare dal gioco chi è a rischio di dipendenza.

Chi è il giocatore patologico? Il giocatore patologico arriva ad isolarsi per vergogna, a mentire ai propri cari per procurarsi il denaro da giocare. La volontà a smettere di giocare va a scontrarsi con il desiderio irresistibile di recuperare i debiti di gioco nella stessa maniera con la quale si sono realizzati. In questi casi più che di un vizio si parla di un vero e proprio disturbo psichico dal quale è difficile guarire da soli. 

E’ possibile guarire da soli dalla ludopatia se non è molto grave? Come uscirne da soli? Interrompere il gioco d’azzardo senza aiuto si può se si tratta di gioco d’azzardo problematico ovvero solo se la gravità della patologia non è tale da compromettere in maniera significativa l’area familiare, sociale, lavorativa e finanziaria dell’individuo.

Gli studi scientifici sulle auto-terapie per uscire da altri problemi psicologici superano in modo significativo quelli relativi al gioco d’azzardo problematico. Oltre ad internet e ad applicazioni di realtà virtuale sembrerebbero utili manuali di auto-aiuto, supporto telefonico, video e audiocassette. Questi supporti sono adatti per quei giocatori problematici che decidono di non accedere al trattamento professionale a causa di vergogna, senso di colpa, scarsa gravità della condizione clinica, difficoltà finanziarie (Raylu et al., 2008).

Come aiutare una persona affetta da ludopatia che non vuole curarsi (ad esempio un marito ludopatico)? Terapie di supporto auto-dirette per la ludopatia sono state sviluppate proprio per aiutare gli individui che sono riluttanti a cercare un trattamento formale. Tali trattamenti forniscono alle persone informazioni e supporto per avviare un programma di recupero senza necessità di partecipare ad un trattamento formale.

Uno studio ha valutato un intervento online chiamato Check Your Gambling. I partecipanti alla ricerca con problemi di gioco non erano interessati al trattamento formale (N = 181). Dopo una valutazione telefonica di base tali individui hanno ottenuto l’accesso al brief Check Your Gambling o ad un intervento esteso. Le valutazioni di follow-up sono state condotte a 3, 6 e 12 mesi. I partecipanti in entrambe le condizioni hanno mostrato riduzioni significative nei giorni di gioco e nella gravità del problema.

L’autoefficacia è aumentata nel tempo ma non sembrava influire sui cambiamenti nel gioco d’azzardo (ovvero si è continuato a giocare). I partecipanti coinvolti nel programma online esteso hanno mostrato risultati migliori. La ricerca futura dovrebbe esplorare la diffusione e l’efficacia degli interventi online con e senza supporto di un terapeuta per comprendere meglio il loro ruolo potenziale nei sistemi di trattamento della ludopatia (Hodgins et al., 2019).

In un’altra ricerca è stato sviluppato un pacchetto di interventi basati sul telefono che aiuta le persone ad essere motivate ad affrontare il loro problema del gioco d’azzardo e ad usare le strategie di cambiamento comportamentale e cognitivo. Nonostante l’accessibilità del mezzo telefonico internet rimane una modalità eccellente per offrire un trattamento autodiretto ai problemi del gioco d’azzardo. Internet, infatti, è sempre più accessibile ai membri del pubblico ed è spesso utilizzato per ottenere informazioni relative alla salute (Hodgins et al., 2013).

Riferimenti bibliografici:

Hodgins DC et al (2019). Online Self-Directed Interventions for Gambling Disorder: Randomized Controlled Trial. J Gambl Stud. [Epub ahead of print].

Hodgins DC et al (2013). Internet-based interventions for disordered gamblers: study protocol for a randomized controlled trial of online self-directed cognitive-behavioural motivational therapy. BMC Public Health.13:10. 

Condividi l'articolo sui Social:

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

Gli effetti della depressione sul corpo: sintomi fisici e disturbi dell’omeostasi

La depressione può presentare sintomi fisici e alterare l’equilibrio psicofisico favorendo l’obesità.    I sintomi della depressione possono essere fisici ovvero percepiti con dolore e/o parestesie. La depressione…

Continua a leggere...
ansia o depressione prima di addormentarsi

Mancanza di respiro prima di addormentarsi: diagnosi differenziale, rimedi

La fame d’aria prima di dormire rappresenta un sintomo tipico di chi soffre di attacchi di panico e somatizzazioni ansiose.   Avere difficoltà a respirare…

Continua a leggere...
pregiudizi su psichiatra e psicoterapeuta

Come curare ansia o depressione: falsi miti su psicofarmaci e psicoterapia

Quali sono i pregiudizi più comuni sui farmaci antidepressivi e sulla psicoterapia? Perché è importante vincerli per recuperare il benessere? Nessun paziente ansioso e/o depresso…

Continua a leggere...
a chi rivolgersi in caso di depressione

Il cervello e le malattie mentali: perché non si chiede aiuto

Molte persone che soffrono di disturbi mentali non cercano un aiuto appropriato anche se è importante avere un supporto.   Secondo modelli socio-psicologici determinati atteggiamenti…

Continua a leggere...