via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

ansia separazione

Separazione materna precoce e disturbo d’ansia da separazione

Il disturbo d’ansia da separazione è una patologia frequente nei bambini con una prevalenza del 2-6%. I bambini, infatti, manifesterebbero in età scolare un’ansia inappropriata rispetto al livello di sviluppo caratterizzata da difficoltà a separarsi dalla figura di attaccamento (generalmente la madre) per paura che possa succederle qualcosa di terribile in loro assenza. I bambini, pertanto, rifiuterebbero di andare a scuola, di dormire separati dal genitore, chiedendo continuamente rassicurazioni e manifestando l’ansia a livello somatico con manifestazioni prevalenti a livello gastrointestinale (mal di stomaco, nausea, vomito).

Un recente studio ha esaminato le associazioni tra ansia da separazione materna e ansia da separazione dei bambini. 269 madri e 287 bambini hanno partecipato allo studio in due momenti ad intervalli di un anno. I bambini erano di età compresa tra i 5 e gli 8 anni e sono stati intervistati con un metodo adeguato all’età per ottenere misure soggettive dell’ansia da separazione e percezioni di controllo da parte dei genitori. Le madri hanno riferito eccessive preoccupazioni relative alla separazione dai propri figli attraverso la compilazione di un questionario. Dai risultati l’ansia da separazione materna era correlata positivamente all’ansia da separazione nei bambini. Non è stata riscontrata però un’associazione con un percepito eccessivo controllo genitoriale da parte dei bambini (Stone et al., 2015).

Le esperienze traumatiche precoci, come ad esempio gli abusi sui minori, rappresentano fattori di rischio per lo sviluppo di psicopatologie caratterizzate da comportamenti sociali anomali e difficoltà nella regolazione emotiva. Le esperienze precoci di vita avverse, quindi, possono portare conseguenze a lungo termine che persistono in età adulta.
Nei roditori possono essere indotte sperimentalmente modifiche di lunga durata delle strategie di gestione dello stress e di regolazione emotiva separando i cuccioli dalla propria madre. La separazione materna è stata valutata per 3 ore al giorno nei primi 14 giorni dopo la nascita per verificare se lo stress potesse modificare o meno l’acquisizione e l’estinzione dell’ansia sociale in topi maschi adulti nei primi anni di vita. Dai risultati uno stress sociale precoce, come la separazione materna, nei primi anni di vita sembrerebbe migliorare la capacità di affrontare e recuperare tale esperienza relazionale traumatica in topi di età adulta. Questo sembrerebbe dipendere dall’acquisizione dell’esperienza nei circuiti della memoria (Zolcas & Neumann, 2015). Lo stress, però, si tradurrebbe in un fenotipo differenziale per quanto riguarda il numero di neuroni immunoreattivi per il recettore dei glucocorticoidi (GR-IR) e l’attività neuronale in aree cerebrali deputate alle risposte allo stress, responsabili di sintomi d’ansia che possono persistere in età adulta. Topi maschi sono stati sottoposti ad una separazione materna giornaliera per 4,5 ore durante le prime 3 settimane di vita. Da adulti i topi sono stati esposti ad uno stress cronico (una separazione materna prolungata) per 24 giorni e trattati giornalmente con un antidepressivo (tianeptina). Dopo la separazione materna l’attività cerebrale è risultata aumentata in tutte le strutture cerebrali esaminate. Lo stress cronico, invece, ha provocato una riduzione dell’attività cerebrale nell’ippocampo ed un aumento nel nucleo paraventricolare. La separazione materna prolungata ha provocato, inoltre, un aumento del recettore per i glucocorticoidi nell’ippocampo (area CA1) e nell’amigdala. Ciò provocherebbe a lungo termine una iperattivazione dell’asse dello stress ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA). Combinando i due eventi (separazione breve e cronica) il recettore dei glucocorticoidi sembrava diminuire nelle aree esaminate. L’antidepressivo regolava il recettore GR-IR in maniera dipendente dalla regione esaminata (ippocampo o amigdala) e clinicamente riduceva il comportamento ansioso da stress (Trujillo et al., 2015).

La presenza di di un disturbo d’ansia da separazione e/o di separazioni materne in età infantile, quindi, può essere accompagnata da manifestazioni ansiose in età adulta che possono prendere la forma di veri e propri disturbi come il disturbo di panico, l’agorafobia, la fobia sociale, le fobie specifiche e/o il disturbo ossessivo-compulsivo. Trattamenti di tipo psicoterapeutico in ambito cognitivo-comportamentale possono risolvere efficacemente il disturbo d’ansia da separazione in età infantile prevenendo il ricorso a trattamenti in età adulta.

Riferimenti bibliografici:

Stone LL et al (2015). Relations Between Parental and Child Separation Anxiety: The Role of Dependency-Oriented Psychological Control. J Child Fam Stud. 24(11): 3192-3199.

Trujillo et al (2015). Maternal separation in early life modifies anxious behavior and Fos and glucocorticoid receptor expression in limbic neurons after chronic stress in rats: effects of tianeptine.Stress. 9:1-31. [Epub ahead of print].

Zolcas I & Neumann ID (2015). Maternal separation facilitates extinction of social fear in adult male mice. Behav Brain Res. 297:323-328.[Epub ahead of print].

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Come aiutare un malato di cancro depresso: l’importanza del sostegno psicologico per i pazienti oncologici

Il carico psicologico rappresenta un ulteriore problema di salute per il paziente malato di cancro. Tuttavia non è chiaro in che modo il disagio emotivo possa…

Continua a leggere...

Come smettere di avere paura dei cani o dei ragni: superare cinofobia o aracnofobia con la psicoterapia

La paura dei cani (cinofobia) e la paura dei ragni (aracnofobia) come tutti i disturbi d’ansia sono caratterizzate da una sovrastima degli esiti avversi di…

Continua a leggere...

Quando una persona non vuole curarsi: come aiutare a farsi curare chi non vuole essere aiutato

Non tutti i soggetti affetti da un disturbo psichico decidono di curarsi. La malattia mentale è considerata da molti una manifestazione di debolezza, un disagio da…

Continua a leggere...

Nuove cure efficaci per il disturbo ossessivo-compulsivo: come guarire dalle ossessioni con psicofarmaci innovativi e nuovi percorsi di psicoterapia

Negli ultimi decenni la cura del disturbo ossessivo-compulsivo (anche detto DOC) si è basata prevalentemente sulla prescrizione di farmaci inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina…

Continua a leggere...

Condividi con un amico