via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

psicoterapia3

L’efficacia clinica della psicoterapia

L’efficacia clinica della psicoterapia è stata valutata da numerose ricerche. Gli effetti sembrano essere generalmente costanti nelle varie condizioni cliniche con alcune variazioni dovute alla severità della patologia più che dalla specificità della diagnosi. Queste variazioni sembrano influenzate da fattori relativi al paziente (come ad esempio cronicità, complessità della patologia, supporto sociale, frequenza delle sedute) e fattori relativi al clinico o al contesto terapeutico (Beutler, 2009). Sono stati pertanto proposti adattamenti psicoterapeutici in base ad età, etnia, fattori socio-culturali e problemi cognitivi con esiti positivi.

I risultati raggiunti attraverso il trattamento psicoterapeutico tendono ad essere mantenuti a lungo grazie all’acquisizione da parte del paziente di una varietà di comportamenti che possono essere utilizzati anche dopo la fine del trattamento e possono continuare a migliorare nel corso degli anni (Shedler, 2010).

Dagli studi pubblicati sono emersi risultati soddisfacenti nel trattamento di bambini, adulti e anziani rispetto all’assenza di psicoterapia. Le diverse forme di psicoterapia mostrerebbero esiti abbastanza simili in quanto si possono adattare ai bisogni specifici del paziente (Norcross, 2011). I dati clinici di efficacia hanno riportato risultati soddisfacenti nel trattamento di disturbi d’ansia e depressivi con un recupero del funzionamento socio-lavorativo o scolastico anche dopo periodi relativamente brevi di trattamento (Baldwin et al., 2009).

Sono stati, inoltre, valutati i fattori che influenzano positivamente o negativamente l’esito di una psicoterapia. Questi fattori sembrerebbero relativi al paziente, al terapeuta e alla reciprocità dei due individui. In uno studio sono stati indagati i fattori più importanti per la riuscita di un trattamento psicoterapeutico. Sono stati inclusi nello studio 1019 terapeuti che hanno indicato come fattori rilevanti per l’esito di una psicoterapia: la relazione clinico-paziente (i meccanismi di cambiamento), i fattori relativi allo psicoterapeuta (le competenze e l’esercizio della professione), i fattori relativi al paziente (le barriere e lo stigma), gli interventi tecnologici e aggiuntivi, il monitoraggio dei progressi, l’affinità tra paziente e terapeuta e l’utilizzo di manuali di trattamento. Piccole influenze sull’esito del trattamento hanno esercitato l’età e l’orientamento terapeutico del paziente (Tasca et al., 2014).

Riferimenti bibliografici:

Baldwin SA, Berkeljon A, Atkins DC, Olsen JA, Nielsen SL (2009). Rates of change in naturalistic psychotherapy: Contrasting dose-effect and good-enough level models of change. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 77, 203-211.

Beutler LE (2009). Making science matter in clinical practice: Redefining psychotherapy. Clinical Psychology: Science and Practice, 16, 301-317.

Norcross JC (1990). An eclectic definition of psychotherapy. In J.K. Zeig & W.M. Munion (Eds.), What is psychotherapy? Contemporary perspectives (218-220). San Francisco, CA: Jossey-Bass.

Shedler J (2010). The efficacy of psychodynamic psychotherapy. American Psychologist, 65, 98-109.

Tasca GA et al (2014). What Clinicians Want: Findings From a Psychotherapy Practice Research Network Survey. Psychotherapy (Chic). [Epub ahead of print ].

 

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Cos’è il delirio di onnipotenza o grandezza: significato in psichiatria, sintomi associati, cosa fare, come si cura

I deliri di onnipotenza o grandezza possono essere presenti sia nel disturbo bipolare sia nei disturbi psicotici. La schizofrenia, probabilmente più debilitante rispetto al disturbo…

Continua a leggere...

Come sconfiggere la paura di guidare: i rimedi per riprendere la guida dopo un incidente, in autostrada o su strade sconosciute

La paura di guidare (o amaxofobia) è una fobia specifica riconosciuta come entità psicologica complessa. Sono molte le analogie con la fobia dell’aereo. Gli studi…

Continua a leggere...

Bullismo e cyberbullismo a scuola, conseguenze psicologiche: come si deve affrontare il fenomeno, perché intervenire precocemente, cosa devono fare gli insegnanti e i genitori

Il bullismo è un fenomeno sociale che si manifesta attraverso la messa in atto di comportamenti intenzionali di tipo violento, fisici e/o psicologici, ripetuti nel…

Continua a leggere...

Ansia, depressione, altri disturbi che possono dipendere da cambio di stagione, età, sesso e mese di nascita: è vero che malessere, stanchezza, insonnia sono più frequenti in autunno e primavera?

Ansia, depressione e disturbi del sonno sembrerebbero più frequenti al cambio di stagione. Molto comune è la presenza di malessere, stanchezza e insonnia in autunno…

Continua a leggere...

Condividi con un amico