via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

mente di suicida

Autolesionismo mentale: cosa accade nella mente di un suicida

E’ importante prevenire l’aggravamento di un disturbo psichico con condotte autolesive rivolgendosi quanto prima ad uno specialista.

 

Per autolesionismo mentale o psicologico si intende la tendenza a mettere in atto condotte impulsive aggressive verso se stessi. L’autolesionismo non è un comportamento utile a ridurre la sofferenza soggettiva ed, inoltre, può mettere a rischio la vita se prende la forma di un tentativo di suicidio.

Cosa accade nella mente di un suicida o di chi commette atti autolesivi? In genere cerchiamo di proteggere i nostri corpi. Questo innato senso di protezione è supportato da rappresentazioni interne relative all’identità del corpo, ai parametri spaziali ed alle sensazioni corporee. 

Nell’autolesionismo psicologico il corpo diventa il bersaglio. I primi atti di autolesionismo sono tipicamente riportati in adolescenza. A questa età il corpo diventa anche più importante del proprio concetto di sé. Alcune ricerche ipotizzerebbero che disturbi nelle rappresentazioni e percezioni corporee possano contribuire alla manifestazione di condotte autolesive.

Una revisione sistematica degli studi pubblicati è stata condotta per esaminare in modo critico il potenziale ruolo delle rappresentazioni corporee e dei disturbi della sensibilità nell’autolesionismo (non suicidario/suicidario) in adolescenti/giovani adulti (di età pari a 12-25 anni). Sono stati identificati 64 studi (per un totale di 275.183 partecipanti) e, nel complesso, i giovani coinvolti in atti autolesivi hanno segnalato livelli maggiori di insoddisfazione del corpo, disturbi di una parte del corpo, deficit nell’esperienza o valutazione delle sensazioni corporee rispetto ai gruppi di controllo. Tuttavia emergevano variabilità nei parametri esaminati e differenze di genere. Potrebbe esistere, quindi, un forte legame tra rappresentazioni corporee ed autoprotezione con necessità di indagare gli atti di autolesionismo in base alla rappresentazione e consapevolezza dell’immagine corporea (Hielscher et al., 2019).

Perchè ci si fa del male e non si chiede subito aiuto ad un professionista della salute mentale? Le persone con malattie mentali in passato erano viste come diverse dalla popolazione generale con conseguente stigma pubblico. Quando lo stigma pubblico era interiorizzato portava all’auto-stigma. Secondo alcune ricerche livelli di auto-stigma più alti sarebbero caratterizzati da una minore autostima e livelli di depressione più alti (Corrigan & Nieweglowski, 2019). Oggi fortunatamente molte più persone si rivolgono allo psichiatra psicoterapeuta per alleviare le proprie sofferenze psicologiche. Tuttavia alcuni rinunciano al proprio benessere in nome di false credenze che possono portare ad un ritardo nella diagnosi e nella cura del proprio disturbo. 

Perchè è importante chiedere aiuto quanto prima, soprattutto in presenza di gesti autolesivi? Rivolgersi subito ad uno specialista permette di trattare un disturbo di gravità lieve ricorrendo a pochi farmaci, a bassi dosaggi o solamente ad un percorso di psicoterapia.

Riferimenti bibliografici:

Corrigan PW & Nieweglowski K (2019). Difference as an indicator of the self-stigma of mental illness. J Ment Health. 1-7.

Hielscher E et al (2019). When the body is the target – Representations of one’s own body and bodily sensations in self-harm: A systematic review: Intended for Neuroscience and Biobehavioral Reviews. Neurosci Biobehav Rev. [Epub ahead of print].

Condividi l'articolo sui Social:

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

schizofrenia indotta da marijuana

Psicosi indotta da sostanze stupefacenti: rischi e cure delle doppie diagnosi

L’uso di cannabis e di altre sostanze stupefacenti può aumentare il rischio di soffrire di psicosi.   L’uso di sostanze stupefacenti può attivare il circuito…

Continua a leggere...
non riuscire a camminare bene

Paura di camminare e cadere: un aiuto dalla psicoterapia

Il timore di non riuscire a camminare bene e di eventuali cadute si può superare rivolgendosi ad uno psicoterapeuta.   La paura di camminare e cadere…

Continua a leggere...
difficoltà di attenzione e concentrazione nella depressione

Disturbi cognitivi: vulnerabilità o sintomi di depressione?

Le difficoltà di attenzione e concentrazione possono essere tratti tipici delle persone a rischio di depressione oppure sintomi depressivi.   I soggetti con depressione spesso manifestano…

Continua a leggere...
DOC o reale omosessualità

Paura di essere gay o lesbica: disturbo o reale omosessualità?

Il timore di essere omosessuale, non essendolo realmente, è un pensiero intrusivo, ricorrente, angosciante, frequente nel disturbo ossessivo-compulsivo.   Le ossessioni relative all’orientamento sessuale sono…

Continua a leggere...