via Panaro 11, Roma - zona Corso Trieste | tel. 380.89.06.289

  piazza Armenia 9, Roma - zona San Giovanni | tel. 380.89.06.289

formicolio da ansia

Ansia e formicolio di testa, mani, piedi, tutto il corpo: cause e cura dell’intorpidimento della nuca e delle parestesie da stress, facciali o diffuse agli arti superiori e inferiori

I formicolii (anche denominati parestesie) possono derivare da disturbi metabolici, intrappolamento dei nervi a seguito di movimenti ripetitivi, iperventilazione da ansia o esposizione a neurotossine. Uno studio, ad esempio, ha analizzato i dati di membri della comunità esposta al disastro del World Trade Center (WTC) l’11 settembre 2001 per valutare se l’esposizione al disastro fosse associata a parestesie. Il 56% dei 3141 pazienti del WTC Environmental Health Centre ha riportato parestesie da 7 a 15 anni dopo il disastro del WTC. Le parestesie erano associate alla gravità dell’esposizione alla nube di polvere del WTC e al lavoro che richiedeva la pulizia della polvere del WTC (Marmor et al., 2017).

Il formicolio localizzato a testa, faccia, mani, piedi o diffuso in tutto il corpo può essere causato dall’ansia e dallo stress? Quali possono essere altre cause delle parestesie? I formicolii facciali, nucali, agli arti superiori e inferiori possono rappresentare un sintomo dell’ansia somatizzata e degli attacchi di panico oppure una manifestazione di una sindrome di astinenza da benzodiazepine. I soggetti che interrompono bruscamente alte dosi di benzodiazepine possono manifestare grave ansia, disturbi dell’umore e disturbi del pensiero 24 ore dopo l’interruzione del farmaco assunto in una modalità pesante e prolungata. In un case report sono stati valutati gli effetti da sospensione dell’oxazepam assunto al dosaggio di 30 mg, 3 volte al giorno, per due mesi per ansia e attacchi di panico. La brusca sospensione dell’oxazepam ha causato una sindrome da astinenza relativamente grave. I formicolii, le fascicolazioni muscolari e gli sbalzi d’umore erano molto marcati. Il paziente valutato ha anche sperimentato ansia significativa, depressione, calo dell’umore e fascicolazioni muscolari due mesi dopo la disintossicazione da oxazepam (Wilbur & Kulik, 1983).

Una ricerca ha valutato 23 pazienti con iperventilazione acuta da ansia che si presentavano al pronto soccorso. È stata esclusa una causa organica per i sintomi presentati. Il rapporto maschi-femmine era 12:11. I sintomi manifestati erano dispnea (61%), parestesie (35%), dolore o senso di costrizione al torace (43%), spasmi muscolari (9%), vertigini (13%), palpitazioni (13%) e sintomi generali di panico (30%). Episodi precedenti simili erano stati riportati nel 74% dei pazienti. Da 20 pazienti (87%) è stata riportata un’attribuzione erronea dei sintomi ad un disturbo cardiaco o ad altre malattie potenzialmente letali ed è stata questa la ragione principale del loro accesso al pronto soccorso. Le parestesie alle mani da ansia, infatti, possono essere facilmente scambiate per sintomi neurologici di malattie quali la sclerosi multipla. Sebbene nessun paziente dello studio presentasse sintomi di asma, 7 (30%) sono risultati asmatici e 10 (44%) avevano una storia e risultati di indagini cliniche indicativi di asma. Solo 2 pazienti avevano una storia di ansia o depressione mentre 17 pazienti (78%) avevano superato la soglia di ansia o di panico ad un test specifico. Dipendenza da marijuana o abuso di alcool sono stati riferiti nel 17% dei pazienti mentre una storia di abuso passato nel 26% dei pazienti. Dei pazienti valutati 2 mesi dopo l’attacco, 13 (57%) presentavano iperventilazione da riposo o da stress ed un’associazione significativa con asma. Questi risultati illustrano la base multifattoriale dell’iperventilazione acuta, l’importanza di un’attribuzione erronea dei sintomi ed il pericolo di usare il termine “sindrome da iperventilazione” al pronto soccorso (Saisch et al., 1996).

Quale è la cura dell’intorpidimento da ansia o stress? Per curare il formicolio da ansia è fondamentale rivolgersi ad uno specialista per intraprendere la terapia più adeguata alla propria condizione clinica che spesso comprende altri sintomi associati alle parestesie.

Riferimenti bibliografici:

Marmor M et al (2017). Paresthesias Among Community Members Exposed to the World Trade Center Disaster. J Occup Environ Med. 59(4): 389-396.

Saisch SG et al (1996). Patients with acute hyperventilation presenting to an inner-city emergency department. J Occup Environ Med. doi: 10.1097

Wilbur R & Kiulik AV (1983). Abstinence syndrome from therapeutic doses of oxazepam. Can J Psychiatry. 28(4): 298-300.

Ultimi Articoli

Ricerca articolo su patologia di interesse

Dott.ssa Tiziana Corteccioni

Psichiatra-a-Roma-e-Perugia-Psicoterapeuta-Tiziana-Corteccioni

Psichiatra e Psicoterapeuta.
Riceve a Roma e a Perugia.

La Dott.ssa Tiziana Corteccioni è un Medico Chirurgo, Specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta ad orientamento clinico cognitivo comportamentale. Collabora con l'Associazione di Clinica Cognitiva, sede di Roma.

Principali patologie trattate

  • Depressione Maggiore
  • Disturbo Bipolare
  • Attacchi di Panico
  • Disturbo d'Ansia Generalizzato
  • Fobia Sociale
  • Fobie Specifiche
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo
  • Disturbi del Sonno
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi di Personalità
  • Schizofrenia

Terapia tradizionale e nuovi trattamenti per uscire dall’anoressia nervosa o da altri disturbi alimentari: guarire con farmaci, psicoterapia, dieta, neuromodulazione

L’anoressia nervosa è una patologia che provoca grandi cambiamenti nella qualità della vita di chi ne è affetto e che presenta conseguenze gravi con un…

Continua a leggere...

Pigrizia patologica cronica: psicologia, rimedi, quando si tratta di depressione o altra malattia mentale

La pigrizia patologica cronica può essere un sintomo presente nella psicologia di vari disturbi: ad esempio può essere riscontrata nella depressione e nei disturbi alimentari quali…

Continua a leggere...

Sindrome bipolare affettiva: temperamento, cause scatenanti, significato, idea di pericolosità della persona affetta da bipolarismo

La sindrome affettiva bipolare è un disturbo dell’umore caratterizzato da oscillazioni affettive (periodi di depressione alternati a periodi di benessere e di euforia). Il disturbo…

Continua a leggere...

Ansia, depressione e iperglicemia: l’aspetto emotivo del diabete può essere caratterizzato da agitazione, rabbia, aumento della glicemia

L’ansia e la depressione sono manifestazioni psicologiche molto comuni nei pazienti affetti da diabete. Non infrequente, infatti, è l’associazione tra ansia, depressione e aumento della…

Continua a leggere...

Condividi con un amico